menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Auto davanti al Pagliarelli durante la protesta

Auto davanti al Pagliarelli durante la protesta

Il Coronavirus e la rivolta nelle carceri: "Al Pagliarelli danni per oltre due milioni di euro"

Dopo gli episodi risalenti alla settimana scorsa, ecco la nuova bozza di decreto con le misure per rispondere all'emergenza. Obiettivo: ripristinare la piena funzionalità e garantire le condizioni di sicurezza degli istituti penitenziari danneggiati

"Al fine di ripristinare la piena funzionalità e garantire le condizioni di sicurezza degli istituti penitenziari danneggiati nel corso delle proteste dei detenuti anche in relazione alle notizie sulla diffusione epidemiologica a livello nazionale del Covid-19, è autorizzata la spesa di 20 mlioni di euro per la realizzazione di interventi urgenti di ristrutturazione e di rifunzionalizzazione delle strutture e degli impianti danneggiati". E' quanto si legge nella nuova bozza di decreto con le misure per rispondere all'emergenza coronavirus.

Per quanto riguarda i fatti di Palermo, in particolare, si legge nella bozza, "si segnalano nella casa circondariale di Palermo-Pagliarelli, danni per un ammontare complessivo stimato in due milioni e 150 mila euro". La sommossa dei detenuti nella struttura penitenziaria risale alla notte tra domenica (8 marzo) e lunedì della scorsa settimana. Tutto iniziò - seguendo l'esempio delle altre carceri italiane - con degli incendi appiccati all'interno delle celle, poi con alcune stoviglie sbattute contro le grate in ferro delle finestre sbarrate, quindi grida e fischi. Una rivolta che parallelamente si svolse all'esterno del carcere, con i parenti dei detenuti che a lungo bloccarono viale Regione Siciliana.

I carcerati - e i loro familiari - avevano deciso di protestare contro le limitazioni imposte nell'ambito delle misure di contenimento del Coronavirus adottate a livello nazionale. Altre proteste dello stesso tenore, per le stesse motivazioni, si erano registrate in contemporanea nelle strutture detentive di Foggia - dove è avvenuta un'evasione di massa - Salerno, Napoli e Frosinone, Vercelli, Alessandria, Brindisi, Bari, Foggia e Poggioreale. Episodi gravi a Modena, con otto detenuti morti nel corso della rivolta, e a Pavia dove due agenti furono tenuti sotto sequestro. Le rivolte sono scaturite in particolare dalla sospensione dei colloqui per scongiurare il rischio di contagi all'interno dei penitenziari. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento