Coronavirus, in 24 ore in Sicilia 1.363 nuovi contagi e triste record di vittime: 35

Secondo il report del ministero della Salute crescono anche i ricoverati con sintomi (1.162) e ci sono altri dieci posti letto occupati nei reparti di Terapia intensiva per un totale di 169. In isolamento domiciliare 20.737 persone

Resta sopra quota mille il numero dei nuovi casi di positività al Covid accertato nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 8.431 tamponi processati (molti meno di ieri quando erano stati 9.525). Secondo il report del ministero della Salute i nuovi contagiati sono 1.363 (ieri 1.423). Si registrano ben 35 nuove vittime, dato che porta il totale a 663. 

Crescono di 4 unità i ricoverati con sintomi, che oggi sono 1.162. Ci sono poi altri dieci posti letto occupati nei reparti di Terapia intensiva per un totale di 169. Il totale degli ospedalizzati arriva quindi a 1.330. Sale (+1.210) il numero dei cittadini in isolamento domiciliare. Il totale degli attuali positivi supera quota ventimila e arriva a 20.737. Da inizio pandemia i dimessi/guariti sono invece 8.788.

Quanto alla divisione per province, il numero maggiore di nuovi casi è a Palermo con 459. Seguono Catania con 406, Ragusa 137, Siracusa 116, Trapani 103, Messina 73. Meno colpite Caltanissetta con 53 nuovi casi, Agrigento con 15 ed Enna con uno.

7 novembre-2

Lo screening col drive in alla Fiera

Più di diecimila tamponi in nove giorni di attività. Procede speditamente con una grande partecipazione di cittadini la campagna attiva di monitoraggio del Coronavirus, promossa dall’assessorato regionale alla Salute, dal Commissario per la gestione dell’emergenza Covid nella provincia di Palermo, Renato Costa, Asp del capoluogo e Comune. All’iniziativa, che dal 30 ottobre è organizzata alla Fiera del Mediterraneo, si è affiancato oggi anche un drive In a Monreale. Complessivamente sono stati 1.567 i tamponi rapidi effettuati (dei quali 1.327 alla Fiera del Mediterraneo e 240 a Monreale) e 109 i positivi (101 in Fiera e 8 a Monreale), immediatamente sottoposti al tampone molecolare. Dopo 9 giorni di attività, a Palermo sono complessivamente 10.091 i tamponi rapidi e 901 i positivi accertati nello screening di popolazione. 

Domani (domenica 8 novembre) l’attività sarà ancora rivolta al mondo della scuola: personale docente e non docente, studenti e le loro famiglie. Gli screening sono in programma: alla Fiera del Mediterraneo dalle 9 alle 14 (con ingresso dell’ultima autovettura alle 12); a Monreale, ex mobilificio Mulè di via Circonvallazione ore 10-14.

Per ottimizzare e velocizzare le operazioni si chiede agli utenti di presentarsi muniti – oltre che di tessera sanitaria e documento di riconoscimento – anche  del foglio di consenso informato stampato, compilato e firmato. Il modulo si può scaricare al seguente link del sito dell’Asp: https://www.asppalermo.org/Archivio/circolari/Coronavirus/QUESTIONARIO%20COVID_nuovo%20versione%20rev.pdf

I costi della pandemia

A causa del Covid, quest’anno ogni italiano perderà mediamente quasi 2.500 euro (precisamente 2.484). A stimare la contrazione del valore aggiunto per abitante a livello provinciale ci ha pensato l’Ufficio studi della Cgia di Mestre che, inoltre, ha denunciato un altro dato particolarmente allarmante: anche se subirà una riduzione del Pil più contenuta rispetto a tutte le altre macro aree del Paese (- 9 per cento), il Sud vedrà scivolare il Pil allo stesso livello del 1989. In termini di ricchezza, pertanto, “retrocederà” di ben 31 anni. Su base regionale Molise, Campania e Calabria torneranno allo stesso livello di Pil reale conseguito nel 1988 (32 anni fa) e la Sicilia nientemeno che a quello del 1986. (Leggi l'articolo completo)

Il Comune

Palazzo delle Aquile ha reso noto che, dopo la sanificazione dei locali, gli uffici della Postazione decentrata piazza Marina (1^ Circoscrizione) riapriranno al pubblico da lunedì.

Dopo la comunicazione inerente un contatto stretto tra un dipendente e un familiare convivente risultato positivo al Covid 19, in via cautelativa, la Ragioneria generale rimarrà chiusa da domani sino a nuova comunicazione.

L'Ars

Dopo la positività al tampone rapido del deputato regionale di Italia Viva e sindaco di Brolo, Giuseppe Laccoto, l'Assemblea regionale siciliana chiude per una settimana. Da lunedì prossimo e sino a sabato 14 novembre, infatti, saranno sospese le attività parlamentari d'aula e di commissione anche per consentire lo svolgimento delle prove orali del concorso per consigliere parlamentare in programma da giovedì 12 a sabato 14. L'aula, che era convocata per martedì prossimo, è già stata riconvocata per il 17 novembre, alle 16, con il medesimo ordine del giorno. Martedì 10, inoltre, dalle 10 alle 15, deputati e personale amministrativo potranno sottoporsi, su base volontaria e in una struttura all'interno dei giardini del Palazzo reale, al test rapido antigenico di rilevazione di infezione da Covid 19, a cura di laboratorio privato accreditato dall'Asp. Il costo è a carico del singolo utente. Terminata l'esecuzione del test, entro 15 minuti sarà comunicato l'esito. L'eventuale positività sarà comunicata all'Asp a cura del laboratorio e, in attesa dello svolgimento di test molecolare di conferma, l'interessato sarà posto in isolamento fiduciario. 

Le zone rosse in Sicilia

Diventano cinque le "zone rosse" in Sicilia. Lo ha deciso il presidente della Regione Nello Musumeci che ha istituito una zona off limits a Cesarò (dove sono stati riscontrati 85 positivi) e San Teodoro (63 contagiati), in provincia di Messina. L'ordinanza, adottata d'intesa con l'assessore alla Salute Ruggero Razza, sentiti i sindaci dei due Comuni, resterà in vigore dalle 14 di domani (8 novembre) fino a domenica 15. Il nuovo provvedimento prevede un’unica “zona rossa”, tenuto conto della contiguità dei medesimi territori e della presenza di attività lavorative essenziali interconnesse. Attualmente risultano attive in Sicilia le "zone rosse" di Sambuca di Sicilia e Torretta (che scadranno oggi a mezzanotte), Vittoria e Centuripe (fino al 10 novembre).

La situazione nel resto d'Italia

Sono 39.811 i nuovi casi di coronavirus in Italia secondo il bollettino di oggi. I tamponi analizzati sono 231.673 nelle ultime 24 ore. Da ieri sono stati registrati altri 425 morti. I ricoveri in terapia intensiva aumentano di 119 unità. E sono 1.223 i nuovi ricoveri in ospedale. Ieri erano stati registrati 37.809 nuovi casi. e 446 vittime. 

  • Attualmente positivi: 532.536
  • Deceduti: 41.063 (+425)
  • Dimessi/Guariti: 328.891 (+5.966)
  • Ricoverati: 27.743 (+1.223)
  • In Terapia Intensiva: 2.634 (+119)
  • Tamponi: 17.183.569 (+231.673)
  • Totale casi: 902.490 (+39.811, +4,61%)

Coronavirus, il bollettino di oggi sabato 7 novembre

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento