Coronavirus, in Sicilia 68 nuovi contagiati: i morti superano quota 100

Aumenta anche il numero dei pazienti ricoverati, +32 rispetto a ieri, che porta il totale a 608 pazienti in ospedale. Appena 853 i tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. Settima vittima, un 84enne, tra i residenti della Rsa di Villafrati

In calo rispetto a ieri, seppur di poco, il numero dei contagiati dal Coronavirus in Sicilia. Su 853 tamponi effettuati nell'ultima giornata (ancora pochi rispetto alle altre regioni con pari numero di abitanti) sono state riscontrate 68 persone positive (8%) che porta il totale a 1.859 dall'inizio dell'emergenza. Nella provincia di Palermo invece i nuovi contagiati sono 8, mentre ci sono due nuove persone decedute.

Aumenta invece il numero dei pazienti ricoverati, +32 rispetto a ieri, che porta il totale a 608 pazienti in ospedale. Di questi 73 sono in terapia intensiva (gli stessi di ieri), mentre 1.056 malati (+26) sono in isolamento domiciliare. Sono 94 guariti (+2) e sforano quota cento, arrivando a 101, i deceduti (+8). Attualmente invece risultano contagiate 1.664 persone (+58). Dall'inizio dei controlli i tamponi effettuati sono stati 18.686, riscontrato positivo il 9,9% dei sottoposti al test.

Musumeci chiede poteri su esercito e polizia

Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 97 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Palermo, 255 (76, 24, 11); Caltanissetta, 73 (20, 4, 6); Catania, 500 (174, 21, 38); Enna, 245 (139, 1, 11); Messina, 300 (128, 14, 23); Ragusa, 40 (7, 3, 3); Siracusa, 76 (40, 24, 6); Trapani, 78 (24, 1, 2). Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 17 di oggi (venerdì 3 aprile), così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.

Sul dato dei deceduti è opportuno specificare che questo viene assegnato alla provincia dove avviene il decesso. Se per esempio un paziente di Agrigento muore durante il ricovero all'ospedale di Caltanissetta, il decesso verrà contegiato alla provincia di Caltanissetta.

Il bollettino nazionale: quasi 20 mila guariti

Settima vittima nella Rsa di Villafrati

Intanto è stata registrata un’altra vittima, la settima, fra gli ospiti della residenza sanitaria assistenziale Villa delle Palme. Si tratta di un 84enne che soffriva di problemi respiratori e da tempo viveva nella Rsa di Villafrati, comune dichiarato “zona rossa” dopo i 72 casi di contagio registrati all’interno della struttura. All’aggravarsi delle sue condizioni l’uomo è stato portato con un’ambulanza di contenimento al “Covid hospital” di Partinico dove poi è deceduto. Intanto il sindaco Franco Agnello ha confermato che gli oltre 50 tamponi fatti tra gli operatori sanitari delle altre case cinque case di riposo del piccolo centro abitato sono risultati tutti negativi.

Test sierologici pure in Sicilia, sì degli scienziati

In Sicilia è possibile effettuare studi di sieroprevalenza e sieroconversione. Lo rileva il Comitato tecnico scientifico per l'emergenza Covid-19 nell'Isola, in un parere trasmesso all'assessorato regionale della Salute sull’utilizzo dei test rapidi e dei test sierologici. Esami questi ultimi già iniziati in alcuni regioni come l'Emilia-Romagna. Secondo gli esperti "ci sono sufficienti evidenze scientifiche che sorreggono la validità e l’utilità di questi test rapidi in ausilio alla sierologia classica e ai tamponi rinofaringei". I componenti del Comitato, facendo esplicito riferimento agli asintomatici, rilevano in particolare che "in questi soggetti - si legge nel parere - andrà eseguito il test rapido con card come prima scelta. Se sia le IgM (immunoglobuline M) che le IgG (immunoglobuline G) risulteranno negative e il soggetto è a basso rischio allora può essere considerato non infetto, con sufficienti probabilità logiche e scientifiche".

Come leggere i numeri

I numeri vanno letti e interpretati, se si vuole davvero capire come evolve, in positivo o in negativo, un'epidemia. E si rischia di incorrere in particolare in un equivoco, che va spiegato. Quali sono i numeri che vanno analizzati per capire "come sta andando"? Sono prevalentemente due: i decessi, che sono il dato purtroppo più attuale e più correlabile quindi all'andamento della curva epidemica giorno dopo giorno. E poi il numero di casi totali, perché come detto è solo quello che dà conto di aumenti o diminuzioni nei contagi.

Ovviamente è molto importante per tutti anche il numero dei guariti, ma è un dato clinico, non epidemiologico: se ad esempio domani ci fossero 300 nuovi casi e guarissero tutti all'istante, facendo un'ipotesi estrema, pur essendo una splendida notizia non cambierebbe nulla sul piano della curva epidemiologica, che risulterebbe in salita di 300 casi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco perché il dato che più trae in inganno è quello degli "attualmente positivi". Molti fraintendendo lo considerano il numero dei nuovi contagiati del giorno, ma è evidente che non è così. Si tratta solo del "paniere" dei malati totali di Coronavirus a cui via via vengono sottratti i morti e i guariti. Dipende quindi non dal numero di persone che fisicamente il giorno prima sono state sottoposte a tampone e dichiarate positive, ma dagli altri due fattori, morti e guariti. Ed ecco perché si crea l'equivoco: se aumentano guariti e deceduti è inevitabile che calino gli "attualmente positivi", il che non vuol dire affatto che ci siano meno contagi oggi rispetto a ieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

Torna su
PalermoToday è in caricamento