Coronavirus, a Bagheria contagiato neonato di 3 mesi: è il fratellino del bimbo positivo

Lo ha confermato il sindaco Filippo Tripoli. I due piccoli sono in ospedale e al momento le loro condizioni vengono considerate "buone". Il primo cittadino chiede più tamponi da eseguire nel distretto sanitario

Veduta di Bagheria

Altri quattro casi di Coronavirus a Bagheria, dove è risultato positivo anche un neonato di appena tre mesi. Lo ha confermato il sindaco Filippo Tripoli. Si tratta del fratellino del bambino di 18 mesi risultato positivo nei giorni scorsi. I due fratelli sono in ospedale e al momento le loro condizioni vengono considerate "buone".

"Siamo convinti - ha detto il sindaco nel corso di una diretta su Facebook - i casi di Coronavirus sono riconducibili a un unico focolaio. Stiamo effettuando tutti i controlli del caso. Tra le persone positive c’è anche un cittadino bagherese che lavora presso l’Rsa di Villafrati. E voglio precisare che l’uomo non è riconducibile a nessuno dei proprietari di esercizi commerciali di via Papa Giovanni e di negozi che si trovano vicino allo stadio. Pertanto, i messaggi che girano in queste ore su Whatsapp sono fake. Abbiamo effettuato quattro tamponi a persone di Bagheria che lavorano presso l’Rsa di Villafrati e solo uno è risultato positivo mentre tre sono negativi".

Secondo i dati diffusi dal Comune, il totale dei contagiati a Bagheria è di 10 persone (calcolando anche l'uomo che era in cura presso il Rizzoli). Ci sono poi 262 persone che si sono autodenunciate dopo il rientro in Sicilia e che sono in isolamento volontario.  

Il sindaco ha rivolto un appello alle Istituzioni per potere effettuare più tamponi del distretto sanitario: "Meno burocrazia! Stiamo combattendo una battaglia contro un nemico invisibile e il fattore tempo è fondamentale. Prima effettuiamo i tamponi meglio è, vogliamo effettuare i tamponi a Bagheria Abbiamo già trovato dei locali, con la collaborazione dell'Asp e dei medici di base, si possono effettuare i tamponi in autonomia per accorciare i tempi, tutelando tutti".

Tripoli ha poi chiesto "l'istituzione e l'attivazione di una struttura per l'osservazione breve di pazienti con sospetta infezione Covid-19".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A brevissimo attiveremo una task force formata da volontari, medici di medicina generale, e se la direzione dell'Asp ci autorizza  effettuare i tamponi abbatteremo i tempi di tanto - ha aggiunto il sindaco -  con questa task force noi ci stiamo già preparando".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento