Cronaca

La classifica delle città più ospitali d'Italia: "Palermo destinazione da non perdere"

A dirlo è la più grande piattaforma europea per la ricerca di appartamenti privati per vacanza – la Wimdu - che ha stilato la graduatoria delle realtà più ospitali. Palermo nella top 10 davanti a Milano, Firenze e Cagliari

"Da poco dichiarata patrimonio Unesco per il suo itinerario arabo-normanno e consigliata dal New York Times come meta da visitare assolutamente nel 2016, Palermo è una destinazione da non perdere nell’anno nuovo". A dirlo è la più grande piattaforma europea per la ricerca di appartamenti privati per vacanza – la Wimdu - che ha stilato la classifica delle città più ospitali d'Italia. Graduatoria che vede Palermo nella top 10: sesto posto assoluto. Qualità importante, l’ospitalità, che - si sa - è sacra, soprattutto in Italia. Il patrimonio artistico e naturale, il cibo e lo stile di vita associato al nostro Paese sono i fattori che continuano ad attrarre visitatori da tutto il mondo. Non va però dimenticato l’innato senso dell’ospitalità che fa di Palermo "una destinazione imperdibile".

Il team di Wimdu ha scandagliato le recensioni degli utenti europei per gli appartamenti vacanza presenti nelle principali destinazioni italiane in tutto l’arco del 2015, prendendo in esame l’esperienza complessiva dell’utente (qualità servizio, igiene, cordialità degli host ecc.) per un punteggio che va da 1 (punteggio minimo) a 5 (punteggio massimo). Dando una prima occhiata ai risultati, colpisce l’amore degli utenti tedeschi verso Palermo: sono loro gli stranieri più presenti (36,9%), seguiti da francesi, spagnoli e olandesi. Nella classifica Palermo è preceduta solo da Napoli, Verona, Lucca, Torino e Siracusa, sorprendentemente prima. Per ospitalità Palermo si permette di lusso di lasciarsi alle spalle città del calibro di Milano, Firenze e Cagliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La classifica delle città più ospitali d'Italia: "Palermo destinazione da non perdere"

PalermoToday è in caricamento