Cronaca

Gestiva un centro massaggi hot in via dei Cantieri, rimessa in libertà dopo due mesi e mezzo

Una 32enne ha ottenuto la revoca degli arresti domiciliari. La donna aveva ammesso la propria responsabilità. Rivelò che lo aveva fatto per le gravi difficoltà economiche in cui era finita dopo la perdita del posto di lavoro come estetista

Gestiva un centro massaggi hot in via Leonardo Vigo, una traversa di via dei Cantieri, insieme ad un uomo e un'altra ragazza. Adesso una 32enne, quasi tre mesi dopo lo scandalo ha ottenuto la revoca degli arresti domiciliari, con obbligo di firma tre volte a settimana. A rimetterla in libertà è stata il gip Daniela Cardamone, che ha accolto la richiesta degli avvocati Salvino Caputo e Francesca Fucaloro, condivisa dal pubblico ministero Francesco Grassi che aveva espresso il parere favorevole alla scarcerazione.

La donna nell'interrogatorio di garanzia aveva ammesso la propria responsabilità. Rivelò che lo aveva fatto per le gravi difficoltà economiche in cui era finita dopo la perdita del posto di lavoro come estetista. Nell'operazione "Relax Time", finirono titolari e dipendenti dei centri benessere. Le lunghe indagini della polizia, tra pedinamenti e intercettazioni, consentirono di scoprire il giro di clienti che a tutte le ore del giorno andavano nei centri per un massaggio: si poteva fare il "massaggio relax" sul lettino alto per 50 euro, oppure concedersi il "body massage" su un futòn (materassi bassi ndr) per 50 o 100 euro, con le giovani ragazze che sfruttavano il proprio corpo, con addosso solo degli slip, per regalare momenti di piacere agli avventori. Le entrate venivano divise fra i gestori e le ragazze, mentre queste ultime intascavano per intero le mance dei clienti affezionati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestiva un centro massaggi hot in via dei Cantieri, rimessa in libertà dopo due mesi e mezzo

PalermoToday è in caricamento