menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Padre Domenico Costanzo - Foto tratta dal sito change.org

Padre Domenico Costanzo - Foto tratta dal sito change.org

Castelbuono, trasferimento per padre Domenico Costanzo: i cittadini contro il provvedimento

Su change.org una petizione per chiedere di non spostare il frate cappuccino. Il religioso negli anni scorsi ha testimoniato in favore di una donna che ha denunciato abusi all'interno del convento di San Giovanni Rotondo

Una petizione per chiedere di non trasferire padre Domenico Costanzo dal convento dei cappuccini di Castelbuono. E' l'iniziativa apparsa sul sito internet www.change.org e che ha già oltre settemila sostenitori.

"Padre Domenico Costanzo  - spiegano i promotori - è un anziano frate cappuccino che ha testimoniato in favore di una donna abusata all'interno del convento di San Giovanni Rotondo. Adesso, dopo aver denunciato alla trasmissione 'Le Iene' le violenze e i maltrattamenti subiti dalla donna, e dopo aver servito per quasi 40 anni la stessa comunità in provincia di Palermo, ha ricevuto un avviso di trasferimento. Padre Domenico Costanzo ha servito la comunità di Castelbuono per quasi quarant'anni. Raro esempio di povertà cristiana e interprete credibile della missione evangelica della chiesa, ha educato migliaia di ragazzi nel segno dello sport, della musica e del teatro. Ha vissuto la comunità da umile protagonista, contribuendo come pochi alla socialità, alla crescita culturale della comunità e alla promozione di valori sani ai giovani. Anni fa il Consiglio comunale gli ha tributato doverosamente la cittadinanza onoraria".

"Oggi  - proseguono - astruse gerarchie ecclesiastiche hanno deciso irresponsabilmente di estirpare da Castelbuono un personaggio così positivo e importante. L'ingiusto provvedimento si accanisce nei confronti di un onesto ultraottantenne e per di più rischia di far chiudere il Convento dei Cappuccini di Castelbuono, attivo dal 1573. Chiediamo pertanto al Santo Padre, che con impegno sincero dimostra ogni giorno di voler combattere le ingiustizie e gli abusi ancora presenti nell'oscuro mondo della Chiesa, di revocare questo provvedimento ingiusto notificato al nostro Padre Domenico Costanzo".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento