Cronaca Politeama

Capodanno al Politeama, rafforzate le misure di sicurezza: "In piazza non più di 7.500 persone"

Per entrare nell'area del concerto sono stati istituiti appositi varchi, presidiati da personale dell'organizzazione e dalle forze dell'ordine, dotati di contapersone e metal detector che effettueranno controlli a zaini e borse. Vietata la vendita di bevande alcoliche

Al Politema domani sera, in occasione del concerto di fine anno con Goran Bregovic, saranno ammesse non oltre 7.500 persone e tutti i presenti saranno sottoposti a rigidi controlli di sicurezza. Lo prevede il piano di sicurezza messo a punto dalle forze dell'ordine.

La Questura ha reso noto che "per l’accesso all’area interessata sono stati istituiti appositi varchi di ingresso e di uscita. Ogni varco sarà transennato e presidiato da steward dell’organizzazione, assistiti da personale delle forze dellordine, dotati di contapersone e metal
detector che effettueranno controlli a zaini e borse. Saranno sottoposti ai controlli anche i cittadini che intendono accedere all’area interessata, anche soltanto per il transito".

Capodanno 2019, il concerto al Politeama cambia la viabilità: tutte le strade chiuse

Saranno posizionati blocchi in cemento per evitare il transito di eventuali veicoli non autorizzati e saranno presenti ambulanze medicalizzate.

Bregovic "scalda" il Politeama: "Chi non diventa pazzo non è normale" | Video

E' vietata la commercializzazione di bevande alcoliche e di bevande in contenitori di vetro, con il conseguente obbligo di versamento delle stesse in bicchieri di plastica, polistirolo e cartone. Nell'area del concerto e' vietato, tra l'altro, introdurre bombolette spray, armi, trombette da stadio, fumogeni, catene, ombrelli appuntiti, bastoni e puntatori laser

Capodanno al Politeama: banditi petardi, bottiglie di vetro e spray al peperoncino



 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capodanno al Politeama, rafforzate le misure di sicurezza: "In piazza non più di 7.500 persone"

PalermoToday è in caricamento