Caccamo, arrestato piromane seriale “Ha incendiato sei automobili”

Secondo l'accusa un giovane di 19 anni avrebbe dato alle fiamme sei vetture tra il 16 agosto e l'8 settembre. Pare che il ragazzo avesse avuto degli screzi con gli abitanti e abbia agito per vendetta

G.C. 19 anni, arrestato a Caccamo

Secondo gli inquirenti è lui il piromane che dal 16 agosto all’8 settembre ha appiccato il fuoco a sei automobili posteggiate nel centro di Caccamo. Con quest’accusa i carabinieri della cittadina a pochi chilometri da Palermo hanno arrestato, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Termini Imerese, G.C., 19 anni.

L'attività investigativa, durata circa un mese, ha permesso di acquisire – spiegano gli inquirenti - un “preciso e grave quadro indiziario gravante” sul ragazzo. Le auto sono andate a fuoco dal 16 agosto allo scorso 8 settembre. L'attività d'indagine è scaturita a seguito dell'incendio di un'autovettura avvenuto all'indomani di ferragosto a Caccamo. Da quel momento gli incendi si sono susseguiti sempre più di frequente, in maniera sistematica in orario notturno e a distanza di pochi giorni l'una dall'altra. Fino ad arrivare all'8 settembre. Tutte le auto erano parcheggiate nella stessa zona del centro di Caccamo, cioè in quella zona del paese in cui solitamente si aggirava G.C. e dove lo stesso aveva avuto degli screzi con gli abitanti del circondario che nel corso del tempo “lo avevano portato a nutrire nei loro confronti un sentimento di astio e odio”.

Inoltre in occasione dell'incendio del 16 agosto il tempestivo intervento dei militari e degli abitanti della zona ha permesso di evitare che le fiamme che avvolgevano il mezzo potessero provocare conseguenze più gravi, data la presenza, nelle immediate vicinanze dell'auto, delle tubature del gas cittadino. Ad incastrare il giovane anche le testimonianze dei cittadini che hanno confermato ai carabinieri la continua presenza di G.C. sul luogo degli incendi. “Infatti - raccontano gli investigatori - la sua tipicità d'azione consisteva nel compiere dapprima dei sopralluoghi, al fine di verificare l'assenza per strada o sui balconi degli abitanti della zona, e successivamente, mediante l'utilizzo di accendini e di bottiglie in plastica (bottiglie da mezzo litro di libera vendita, solitamente utilizzate per l'acqua minerale) contenenti liquido infiammabile, dapprima cospargeva la parte anteriore delle auto obiettivo della sua azione delittuosa con il liquido e poi vi dava fuoco”.

A seguito di perquisizione veicolare, compiuta in occasione dell'arresto, sono stati rinvenuti, repertati e successivamente sequestrate, in macchina del giovane, due accendini ed una tanica contenente benzina, che verrà inviata al Ris dei Carabinieri di Messina, al fine di comparare il liquido in essa contenuto con quello rinvenuto in occasione dei vari incendi. Sono ancora in corso indagini da parte dei Carabinieri della Stazione di Caccamo per individuare ed accertare altri eventi simili verificati nel comprensorio del territorio del Comune di Caccamo e non si escludono ulteriori sviluppi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento