Bloccare l'uso dei telefonini in carcere, arrivano i jammer

A giugno si svolgeranno le sessioni formative per il personale di polizia penitenziaria sul funzionamento degli inibitori di cellulari acquistati dal dipartimento dell'amministrazione penitenziaria per migliorare la sicurezza degli istituti

Si svolgeranno nel prossimo mese di giugno - e si parte da Palermo - le sessioni formative per il personale di polizia penitenziaria sul funzionamento dei jammer, gli inibitori di telefoni cellulari acquistati dal dipartimento dell'amministrazione penitenziaria per migliorare la sicurezza degli istituti. Lo comunica una nota del Ministero della giustizia.

Le giornate formative saranno curate dalla ditta aggiudicataria dell'appalto e coinvolgeranno 10 unità di personale per ciascun Provveditorato, che saranno istruite sui principi di funzionamento e sul corretto utilizzo di tali apparecchiature. Il calendario prevede la prima sessione nel Prap di Palermo l'11 giugno; poi, a seguire, sarà la volta di Catanzaro il 13, Padova il 14, Bologna il 17, Firenze il 18, Torino e Napoli il 25, Milano e Cagliari il 26, Roma il 27 e per finire Bari il 28. Sono 165 i jammer per l'inibizione delle frequenze telefoniche che il Dap ha programmato di acquistare nel 2019.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insieme ai 200 rilevatori manuali di telefoni cellulari anche spenti, ai due apparati Imsi per la cattura di frequenze telefoniche e ai 65 apparati rilevatori di traffico di fonia e dati, costituiscono la gran parte dello stanziamento di quasi 3,5 milioni di euro per l'anno in corso che il Dipartimento ha investito per la sicurezza degli istituti penitenziari. In particolare, per contrastare, con tecnologie in grado di inibire o isolarne il segnale, l'introduzione abusiva di apparati telefonici mobili negli istituti penitenziari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento