Idrante bloccato da un’auto, lo sfogo di un vigile del fuoco: "Un minuto può cambiare la vita"

La lista degli disagi che i vigili del fuoco si trovano costretti ad affrontare e che rallentano il loro intervento è lunga: dalle auto parcheggiate in doppia fila alle mancate precedenze. Il racconto di una giornata di ordinaria inciviltà a Palermo

Incendi, persone e animali rimasti intrappolati o allagamenti. Ogni giorno i vigili del fuoco corrono da una parte all'altra della città per cercare di salvare la vita a qualcuno. E ogni giorno si trovano a fare i conti con qualche imprevisto che li rallenta. Minuti preziosi persi che potrebbero essere determinanti per cambiare l'esito di un intervento. Un'auto parcheggiata davanti ad un idrante in piazza Verdi è solo un esempio di una serie di disagi con cui i pompieri sono costretti ad avere a che fare durante le giornate di ordinaria inciviltà vissute mentre lavorano a Palermo.

Uno di loro ha deciso di affidare il suo sfogo a PalermoToday: "Ogni giorno, la nostra vita è al servizio e tutela della popolazione, ogni giorno corriamo su e giù a sirene spiegate con le Autopompe. Ma il traffico, le strade strette, le auto in doppia fila rendono più difficoltoso il nostro lavoro". 

Parcheggiare un'auto davanti ad un idrante, come è accaduto lunedì scorso, significa rendere molto difficoltoso il rifornimento idrico dell'autopompa. Così come non dare la precedenza agli incroci o posteggiare in seconda fila significa rallentare la corsa del personale del 115 che magari sta andando a salvare la vita di qualcuno. "Chi aspetta il nostro intervento si lamenta del ritardo: prendiamo pure mazzate alle volte - conclude il vigile del fuoco - ma noi facciamo l'impossibile per arrivare prima. Rischiamo la vita per gli altri e siamo pagati pure poco e quando assistiamo a comportamenti incivili ci chiediamo se i residenti di questa città un giorno saranno capaci di diventare civili così come tutti i palermitani onesti vorrebbero".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento