menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La polizia davanti all'asilo Girasole

La polizia davanti all'asilo Girasole

Forzano la porta e saccheggiano l'asilo Girasole, arrestati due giovani

In manette un diciottenne e una diciassettenne, accusati di furto aggravato in concorso. A chiamare la polizia un passante che li aveva visti scavalcare la ringhiera in via Perpignano. Recuperato bottino da 4 mila euro

Forzano la porta di un asilo e fanno razzia, ma un passante vede tutto e avvisa la polizia. La polizia ha arrestato la scorsa notte una diciassettenne e un diciottenne, entrambi palermitani e accusati di furto aggravato in concorso. Sono stati bloccati mentre uscivano dal nido comunale Girasole di via Perpignano con la refurtiva. Inutile il loro tentativo di fuga a piedi.

Un cittadino di passaggio in via Perpignano ha telefonato al 113 segnalando tre individui, con tanto di descrizione, che stavano svaligiando l’asilo. Li aveva visti scavalcare la ringhiera più volte per portare all’esterno alcuni sacchi neri. Gli agenti dell’Upgsp, dopo aver circondato la struttura e bloccato tutte le vie di fuga, hanno atteso che i giovani ladri uscissero.

"Sono stati notati mentre si dirigevano nella vicina via Lipari, dove poi - spiegano dalla Questura - hanno lasciato parte della refurtiva. Alla vista dei poliziotti i due ragazzi hanno abbandonato il bottino cercando di scappare a piedi, ma sono stati fermati e identificati". Ulteriori accertamenti hanno permesso di appurare come la porta dell’uscita d’emergenza dell’asilo presentasse evidenti segni di effrazione e come tutti i locali della struttura, in particolare la dispensa e la segreteria, fossero stati vandalizzati e svaligiati.

I sacchi neri successivamente ritrovati contenevano prodotti per l’infanzia, generi alimentari e per la pulizia domestica, oltre a una macchinetta del caffè, per un valore complessivo di circa 4 mila euro. Il diciottenne è stato condotto presso la propria abitazione e messo ai domiciliari, mentre la diciassettenne, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stata condotta presso il carcere minorile "Malaspina". Proseguono le indagini in corso per risalire all’identità del terzo complice.

Il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore comunale alla Scuola Barbara Evola hanno espresso il loro apprezzamento e ringraziamento alle forze di polizia. "Questa operazione - dicono - conferma l’importanza di una vigile presenza sul territorio e richiama ancora una volta tutti i cittadini affinché collaborino con le forze di polizia e siano essi stessi 'guardiani' delle scuole e degli asili che sono un patrimonio dei bambini e delle famiglie di questa città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento