Tensione al pronto soccorso del Civico, infermiera scaraventata a terra da una paziente

I carabinieri hanno passato oltre tre ore in ospedale per chiarire l'accaduto. A surriscaldare gli animi sarebbe stato il tentativo del marito della donna di superare l’area del triage per seguire la moglie

Il pronto soccorso dell'ospedale Civico

Afferrata e scaraventata a terra da una paziente. Nottata movimentata al pronto soccorso del Civico, dove un’infermiera è stata aggredita da una ragazza che di lì a poco sarebbe stata visitata per un sospetto trauma cranico. I tentativi di calmarla da parte del medico e delle guardie giurate non sono serviti e in pochi minuti è scoppiato un parapiglia che ha reso necessario una richiesta di intervento dei carabinieri.

A far surriscaldare gli animi - secondo una prima ricostruzione - sarebbe stato il tentativo del marito di superare l’area del triage per seguire la moglie. Lui, conosciuto all’ospedale di via Tricomi per un precedente episodio, avrebbe detto chiaramente che non si fidava del personale e dunque pretendeva di restare al fianco della moglie. "Io da qui non mi muovo", ha detto. Dopo un primo scambio di battute sono subito volate parole grosse. La paziente, distesa sulla barella, si è alzata di scatto e si è scagliata contro la giovane infermiera che si stava occupando di lei, facendola cadere e rompendole gli occhiali. A quel punto sono intervenuti altri medici, infermieri e le guardie giurate, che sono riusciti a separarli. Colpito anche un operatore sociosanitario che poco prima dell'alba si è fatto visitare e refertare.

Medici aggrediti in ospedale, il ministro della Salute: "Atti che non resteranno impuniti"

Erano già le 4.30 quando sono arrivate tre pattuglie dei carabinieri, che hanno ascoltato la versione dei fatti di ognuna delle parti chiamate in causa e quelle dei testimoni. Dopo aver ricostruito un  quadro chiaro e dopo gli accertamenti di rito, i militari hanno denunciato la coppia all’autorità giudiziaria per i reati di minacce e lesioni.

"Niente cure gratis per chi sbaglia, chi rompe paga" | VIDEO

L'episodio di stanotte arriva ad un mese esatto da un altro passato in sordina. In quell'occasione una paziente psichiatrica, a seguito di un'animata discussione avvenuta dentro l'ospedale, è uscita fuori dall'area d'emergenza per tendere un "agguato" a un infermiera. Non appena l'ha vista varcare la porta si è lanciata addosso a lei e l'ha presa per i capelli.

Storie di violenza che sono state oggetto di discussioni negli scorsi mesi, a partire dalle proteste dell'Ordine dei medici al piano della Regione per cercare di ridurre al minimo i fattori che provocano tensioni nei pronto soccorso. Un'escalation contro la quale le direzioni sanitarie degli ospedali hanno annunciato di non volere più tollerare, quantomeno sul piano teorico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A giugno scorso l'Ordine e l'associazione Fiori d'Acciaio hanno siglato un protocollo per la realizzazione di progetti con l'obiettivo di mitigare il clima, Aggressioni medici, l’Ordine e l’associazione onlus Fiori d’Acciaio fanno squadra
realizzazione attività e programmi di ricerca nel settore sociale, sanitario e socio-sanitario, offrendo un sostegno attraverso centri di ascolto o creando piattaforme di dibattito tra gli esperti di settore su temi scientifici, giuridici ed economici e di organizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

Torna su
PalermoToday è in caricamento