Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ministro ai carabinieri: "Palermo territorio difficile, grazie per aver arrestato tanti mafiosi" | VIDEO

Prosegue il tour del capo della Difesa, Elisabetta Trenta, a Palermo. Dopo aver visitato la Chiesa Santa Maria Maddalena, il membro del governo Conte ha pronunciato un messaggio davanti ai diversi gradi dell'Arma

 

"Voglio esprimervi il mio personale ringraziamento per il vostro impegno quotidiano per il mantenimento  dei livelli di sicurezza e di legalità in un territorio così difficile, come peraltro dimostrano i recenti e brillanti risultati conseguiti". Così il ministro della Difesa Elisabetta Trenta ha ringraziato i carabinieri durante il suo discorso al comando della Legione Sicilia, a Palermo.

"Cito soltanto l'imponente operazione antimafia che poco più di un mese fa ha portato all'emissione di 46 fermi tra cui il  presunto erede del boss Totò Riina e altri componenti della nuova commissione provinciale di Cosa Nostra", ha aggiunto Trenta.

"Sappiamo tutti che la sicurezza è un bene primario e prezioso e non può essere affermata solo con l'azione delle forze dell'ordine e della magistratura. Per conseguirla è necessario un'azione sinergica di tutte le componenti statali, enti pubblici, sindacati, associazioni, e anche di quell'esercito di persone perbene che costituisce la stragrande maggioranza della gente siciliana. E' importante il senso della responsabilità dei cittadini - ha aggiunto -. Occorre recuperare l'azione delle famiglie e della scuola per l'affermazione di modelli positivi e per la sensibilizzazione sui temi della legalità nei confronti dei giovani che sono il futuro della nostra società. Tutti devono fare la loro parte. E' il presupposto per il nostro progresso sociale ed economico".
 

 

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento