Sport

Il Palermo omaggia i pionieri d'inizio '900: ecco le maglie per il 120esimo anniversario

I colori rosanero lasciano spazio al bianco e blu scelto dagli inglesi che fondarono il club. Le divise celebrative - disegnate dallo storico Giovanni Tarantino - sono state presentate al campo dei Cantieri navali. Verranno indossate per la prima e unica volta nella gara col Bari

Baffi, brillantina e sguardo fiero, campi in terra battuta e vecchi palloni cuciti a mano. Il Palermo presenta così, la nuova maglia celebrativa del 120esimo anniversario dalla fondazione del club rosanero, che cade proprio quest’anno, nel 2020: un omaggio ai pionieri del calcio a Palermo, introdotto dagli inglesi che per primi fondarono l’Anglo Palermitan Athletic and Football club nel novembre del 1900.

Fu anche grazie ai tecnici britannici impegnati nella costruzione del cantiere navale nel capoluogo siciliano che si diffuse a Palermo il gioco del calcio, dando vita a una passione che da lì in poi non avrà mai fine. E per l’occasione, i giocatori del Palermo Andrea Accardi, Niccolò Corrado, Malaury Martin, Nicola Rauti e Michele Somma, hanno infatti posato proprio in una location inedita: il campo in terra battuta della Fincantieri, tra i più antichi ancora in attività in città.

In questa speciale maglia celebrativa firmata da Kappa e disegnata dallo storico Giovanni Tarantino con con Gomez & Mortisia, anche i colori sono fuori dall’ordinario: per la prima volta nella storia del club, i classici rosa e nero, riconosciuti in tutto il mondo, lasciano spazio al bianco e il blu: i colori del primo logo della storia del Palermo, realizzato nel 1920, quando per la prima volta la squadra adottò la denominazione Palermo Football Club (mutuando i colori sociali del Racing Fbc). Sulla parte sinistra del petto, una rivisitazione del logo: una sintesi tra l’aquila stilizzata disegnata nel 2019 per il nuovo corso del club, e i primi due simboli societari, rispettivamente i due scudi bicolore con la dicitura Palermo Fbc, biancoblù il primo e rosanero il secondo. La maglia conserva comunque sul colletto e sulle maniche alcuni richiami rosanero, a voler sottolineare che l’anima del Palermo - che simbolicamente può vestire anche diversamente dal solito - rimane sempre quella. Riferimenti vintage, inoltre, anche nei laccetti neri al collo e nei calzettoni a righe orizzontali.

La maglia verrà indossata per la prima e unica volta nella partita Palermo-Bari del 23 dicembre, l’ultima partita del 2020, al culmine del lungo ciclo di celebrazioni per l’anniversario della fondazione. Un percorso che, a partire dal 1 novembre 2020, ha già visto l’emissione di uno speciale francobollo e l’apertura, dentro lo stadio Barbera, del Palermo Museum con centinaia di memorabilia, maglie e installazioni interattive interamente dedicate alla storia del Palermo, dei suoi campioni e dei suoi tifosi. Dopo il 23 dicembre, infatti, la maglia verrà esposta per sempre all’interno del museo e mai più usata. L’intero kit anniversario, a tiratura limitata, è disponibile alla prevendita al SiamoAquile Bar&Store dello stadio Renzo Barbera a partire dal 18 dicembre, con ritiro il 24 dicembre, dopo la partita ufficiale. Le eventuali rimanenze, saranno poi disponibili anche online sullo shop del Palermo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Palermo omaggia i pionieri d'inizio '900: ecco le maglie per il 120esimo anniversario

PalermoToday è in caricamento