Venerdì, 18 Giugno 2021
Politica

"Al Verde 600 addetti senza competenze", il Movimento 5 stelle grida allo scandalo

Dopo la dichiarazione dell’assessore Raimondo, che fotografa la singolare situazione al Comune, Il deputato Nuti va all'attacco: "Assurdo che i cittadini debbano pagare senza la contropartita di un servizio degno. Faremo esposto alla Corte dei conti"

Alberi non potati - foto archivio

“Uno scandalo, l’ennesimo spreco di denaro pubblico fatto sulla pelle dei cittadini. Valuteremo se è ravvisabile il danno erariale e, in quel caso, presenteremo un esposto alla Corte dei conti”. Non è andata giù al Movimento 5 Stelle la dichiarazione dell’assessore al Verde, che intervistato dal Giornale di Sicilia, ha affermato che alle dipendenze del settore Ville e Giardini ci sono 600 addetti senza competenze.

“Palermo – afferma il deputato palermitano alla Camera, Riccardo Nuti - non può permettersi questo sperpero. Queste 600 persone sono, non a caso, del bacino ex Gesip, e chi ha la responsabilità di questa operazione e questo spreco, se non la giunta Orlando? L' assessore Francesco Maria Raimondo, nel momento in cui afferma che queste persone ‘non hanno una cultura funzionale a realizzare interventi sul verde’, ammette lo scandalo, lo spreco di cui questa giunta è responsabile e ne testimonia l'inadeguatezza. Perché i cittadini devono pagare delle persone senza competenze e, di conseguenza, non avere un servizio degno?"

"Forse la città - conclude Nuti - è sotto ricatto di queste persone, che spesso hanno dimostrato di essere pronte a metterla a ferro e fuoco? Valuteremo a fondo se percorrere la strada dell’esposto, ma in ogni caso la pratica delle clientele, del precariato a danno dei cittadini laboriosi e che pagano le tasse per non avere un servizio dignitoso come contropartita, deve terminare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Al Verde 600 addetti senza competenze", il Movimento 5 stelle grida allo scandalo

PalermoToday è in caricamento