Mercoledì, 4 Agosto 2021
Politica

Assunzione di 400 stagisti laureati, sindacati contro la Regione: "Faremo le barricate"

Appena annunciato, il piano con cui la Regione punta a reclutare fra i 300 e i 400 laureati negli assessorati scatena già una guerra sindacale. Le sigle autonome e l'Ugl: "Pronti a una lotta senza precedenti"

L'assessore Bernadette Grasso

Una richiesta di incontro urgente al governo regionale per evitare “il riacutizzarsi di una lotta sindacale a 360 gradi, forse senza precedenti”. I sindacati autonomi Cobas-Codir, Sadirs, Siad e Ugl minacciano proteste eclatanti alla luce degli ultimi annunci dell’assessore Bernadette Grasso, che in tv ha manifestato la volontà di assumere alla Regione 400 stagisti laureati "che faranno il loro ingresso per 18 mesi - si legge una nota - e che certamente saranno prorogati più volte per un copione ben conosciuto”.

I sindacati autonomi attaccano: “Il governo regionale sta svelando le sue reali intenzioni in merito ai rinnovi contrattuali, vanificando gran parte delle rivendicazioni sindacali nate dalla necessità di ammodernare la macchina amministrativa. L’esecutivo sta mostrando il suo vero volto: nessuna riclassificazione né riqualificazione, niente più anticipi Famp, rinnovo dei contratti economici in coda alle trattative nonostante anche a livello statale gli aumenti siano stati erogati da oltre un anno, nessuna progressione verticale”. 

Tutto questo, secondo gli autonomi, è “inaccettabile e provocatorio. Senza la previsione di questi istituti contrattuali tutto viene rimesso in discussione anche la stessa funzione dell’Aran che ha iniziato delle trattative parziali per le quali non saremmo più disponibili”.

I sindacati chiedono quindi un “immediato incontro chiarificatore al governo regionale se veramente si vuole evitare di ridestare una vertenza che, data la gravità delle tematiche che si intenderebbero negare, sfocerebbe dopo 12 anni di attese e aspettative, nel riacutizzarsi di una lotta sindacale a 360 gradi, forse senza precedenti”. 

Sull'argomento interviene anche il Csa Dipartimento funzionari direttivi della Regione. "Manifestare stupore - si legge in una nota - per le recenti notizie relative alla previsione di un non meglio precisato bando per l’inserimento negli uffici regionali di stagisti e, ancor di più di personale di società partecipate e, ancora, dei soliti “esperti” in fondi comunitari. Mentre vorremmo conoscere se si tratta di stagisti, o tirocinanti, e quali sono i numeri indicati 400 per gli stagisti, 150 delle società partecipate e alcune “centinaia”! per gli esperti di fondi comunitari, rimaniamo basiti dalla circostanza che non venga evidenziata la larga presenza di reali professionalità all’interno dell’Amministrazione regionale".

"Vi sono colleghi funzionari laureati o plurilaureati, altri laureati e abilitati; ve sono molti altri che, pur senza titolo accademico, hanno acquisito sul campo enorme esperienza e competenza, si pensi al settore dell’agricoltura, della contabilità pubblica, della programmazione comunitaria degli incentivi alle imprese, e tanti altri - aggiungono i sindacati - Ci risulta che una ricognizione della formazione dei dipendenti, dei titoli e delle esperienze sia stata avviata tempo fa dal Dipartimento della Funzione pubblica e del personale con richieste individuali a tutti a mezzo mail. Ci chiediamo che fine abbia fatto? Si è conclusa? Chi tiene la relativa banca dati? Se non è stata completata perché non lo si fa?"

Nella nota si fa riferimento anche all’Amministrazione regionale non conosce i suoi dipendenti o che li consideri in una massa indistinta non distinguendo chi ha compiti di responsabilità procedimentale e di natura professionale da tutti gli altri? Cosa hanno di meglio di noi i cosiddetti “esperti”? Nulla quaestio sugli stagisti; Dio non voglia che si dica che i funzionari regionali sono contro i giovani competenti: ci mancherebbe altro; occorre però fare le debite distinzioni.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assunzione di 400 stagisti laureati, sindacati contro la Regione: "Faremo le barricate"

PalermoToday è in caricamento