“Pianisti” all’Ars, Santoro (Lega): "Gravissimo il comportamento del deputato del M5S Francesco Cappello"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"E' gravissimo quanto è successo nell’ultima seduta dell’assemblea regionale siciliana di giovedì scorso, durante la votazione della nuova legge Urbanistica e della variazione di Bilancio, allorquando il deputato grillino Francesco Cappello pur essendo assente in aula, anzi in congedo, è risultato tra i votanti di uno degli articoli di legge sottoposto all’approvazione del parlamento regionale.  Si tratta di un comportamento che resuscita la deprecabile prassi dei cosiddetti “pianisti”, cioè di quei deputati che in passato pur essendo assenti in aula lasciavano il tesserino a colleghi compiacenti che votavano anche a loro posto. Ancora una volta gli esponenti grillini, pur professandosi in modo autoreferenziale i “puri” della politica, non mancano di dimostrare al popolo di essere avvezzi alle pratiche della peggiore politica. Sulla vicenda andremo fino in fondo affinché vengano accertate le responsabilità non soltanto del singolo deputato, ma anche di coloro che hanno utilizzato il tesserino per votare al posto del collega assente". Lo scrive in una nota l’Avvocato Stefano Santoro, responsabile del Dipartimento Giustizia della Lega in Sicilia.

Torna su
PalermoToday è in caricamento