rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Politica

Palermo in prima linea per la tutela dei minori

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

La nuova città metropolitana di Palermo, guidata dal sindaco Leoluca Orlando, come opportunità per razionalizzare nel territorio gli
interventi a tutela dei minori, promuovere progetti educativi mirati ed integrati e coordinare i diversi attori ed operatori del settore.
In questo nuovo quadro normativo e amministrativo, il 7 luglio scorso a Palermo, nella ex Chiesa di S. Mattia (già Noviziato dei Crociferi)
in via Torremuzza 20, il Garante dei Diritti per l'Infanzia e l'Adolescenza del Comune, Pasquale D'Andrea, ha incontrato amministratori locali e rappresentanti di quanti, volontari ed enti pubblici, si occupano di assistenza e tutela dei minori nel territorio

Presenti delegati dei Comuni di Altofonte, Borgetto, Cinisi, Godrano e Petralia Soprana,  dell’Asp di Palermo e delle associazioni Cesvop (Centro servizi volontariato di Palermo) e Rotary Club, nonché gli assessori alla Cittadinanza sociale ed alla Scuola del Comune, rispettivamente Agnese Ciulla e Barbara Evola. Durante l’incontro con il Garante, premesso comunque che le ristrettezze nei bilanci dei Comuni continueranno ad interessare l’attuazione delle politiche sociali, i relatori hanno concordato sulla necessità di “mettere a sistema” tutti gli attori del cosiddetto terzo settore (comuni, scuola, famiglie, associazioni ed enti pubblici) per prevenire i problemi (dispersione
scolastica, assistenza economica e sanitaria delle famiglie, consultori femminili etc.) piuttosto che intervenire dopo, quando i diritti dei minori e degli adolescenti sono già stati diminuiti. Ed è in questo contesto che il ruolo della Città Metropolitana di Palermo costituisce una grande opportunità - hanno concordato i partecipanti all’incontro - di coordinamento e ottimizzazione nei servizi sociali a supporto dei minori. La Città Metropolitana è però, ovviamente, un ente pubblico di nuova costituzione e di strutturazione in fieri, le cui potenzialità di efficienza ed incidenza nelle realtà territoriali, e non solo nel settore delle Politiche Sociali, andranno sviluppate e soprattutto testate in corso d’opera per verificarne l’efficacia.

“All’incontro di oggi, dunque - ha ricordato Pasquale D'Andrea - ne seguiranno altri, più strettamente operativi, raccordandosi anche con il Garante nazionale, proprio per mettere a registro e raccordare gli interventi nei comuni del palermitano che - ha sottolineato D’Andrea - includono grandi realtà problematiche comeVillabate, Capaci, Bagheria, Carini ed altri centri in sofferenza nell’assistenza sociale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo in prima linea per la tutela dei minori

PalermoToday è in caricamento