Allarme di Orlando sulla finanziaria regionale: "Inutilizzabili 1,4 miliardi, Comuni a rischio default"

In base a una norma nazionale del 2018, i fondi europei non potevano essere inseriti nella legge regionale di stabilità senza violare i principi contabili sull'avanzo vincolato. Chiesto intervento urgente del governo nazionale. Il presidente di Anci Sicilia: "Situazione disastrosa"

Un intervento urgente del governo e del parlamento nazionale per risolvere il "cortocircuito" creato dalla legge regionale di stabilità e dal ricorso a fondi comunitari (1,4 miliardi di euro) che, in base ad una norma nazionale del 2018, non potevano essere utilizzati senza violare i principi contabili sull'avanzo vincolato. 

Lo ha chiesto il presidente dell'Anci Sicilia Leoluca Orlando con una nota inviata ai ministri Lamorgese, Gualtieri, Provenzano e Boccia, della quale ieri ha anche parlato con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Orlando ha sottolineato la "situazione disastrosa" che deriva dalla "impossibilità di conciliare gli impegni assunti la legge di stabilità regionale (la legge 9 del 2020, ndr) con la normativa nazionale". I fondi in questione, dunque, sarebbero solo "virtuali".

"Questa situazione - afferma il presidente regionale dell'Anci - rischia di avere ripercussioni gravi anche rispetto ai rapporti finanziari fra Regione ed enti locali, con conseguenze sulla tenuta finanziaria dei Comuni che potrebbero essere privati di risorse non solo destinate a bilanciare le perdite dovute al Covid, ma persino di una quota dei trasferimenti ordinari per la spesa corrente. In poche parole, se non si trova urgentemente una soluzione, potrebbe saltare l'impianto complessivo della legge, non solo per gli aiuti alle imprese e a diversi settori della società siciliana, ma anche per i servizi essenziali e persino gli stipendi del personale negli enti locali".

Orlando, che ieri si è più volte sentito con il ministro Boccia, ha ricevuto da quest'ultimo assicurazioni sull'impegno del governo nazionale con un provvedimento già allo studio con il ministero delle Finanze, che potrebbe essere proposto al voto del parlamento in forma di emendamento ad uno dei provvedimenti legislativi attualmente in discussione. "Questa vicenda - conclude il presidente dell'Anci - conferma ancora una volta la urgente necessità di un tavolo permanente fra Stato, Regione ed Enti locali, che affronti le troppe criticità determinate dalla discrasia sempre più frequente fra norme nazionali e norme regionali derivanti dall’Autonomia speciale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento