L'Ordine nazionale dei biologi si riunisce a Palermo: convegno sulle microplastiche al porto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Si terrà sabato 18 maggio, nell’Auditorium dell’autorità Portuale di Palermo, il convegno “Contaminazione delle acque superficiali da microplastiche: il ruolo del biologo tra scenario attuale e strategie di intervento”, organizzato dall’Ordine nazionale dei biologi. L’evento vedrà la partecipazione del presidente dell’Onb, Vincenzo D’Anna, del vicepresidente e delegato regionale, Pietro Miraglia, di Franco Scicchitano, consigliere, e di Nicola Locorotondo, commissario straordinario dell’Ordine per la regione siciliana. Promotore dell’iniziativa è Federico Li Causi, consigliere del Consiglio nazionale dei biologi, affincato dal responsabile scientifico dell'evento Vincenzo De Blasi e dai biologi Alessio La Porta e Antonio Costa. “Il problema dell’inquinamento dei mari e della presenza di microplastiche nelle acque italiane – spiega Vincenzo D’Anna – è sempre più persistente. L’evento di oggi offrirà una panoramica più chiara sulla qualità delle risorse idriche siciliane e sulle ripercussioni che la loro contaminazione ha sull’ambiente e sulla salute umana”. Tra i relatori saranno presenti rappresentanti delle istituzioni regionali, referenti di Arpa, Cnr ed Enea, e accademici. Interverrranno tra gli altri, Dario Cartabellotta per il Dipartimento Pesca quale riferimento circa le  opportunità lavorative e di sviluppo fornite dalla programmazione Feamp, Loris Pietrelli. 

Per l'Enea con la caratterizzazione e riciclaggio delle plastiche raccolte sulle spiagge italiane, la giovane ricercatrice biologa Roberta Calvo che presenterà i risultati delle ricerche condotte sull'impiego delle bioplastiche nel ripristino di fondali marini degradati ed infine i ricercatori Martina Capriotti, Arianna Mancuso, Giovanni Chimienti, tre giovani biologi marini premiati  con Early Career Grant della National Geograpich Society e il Dott. Antonio Costa quale Biologo siciliano operante all'interno del Protocollo Assoittica- Biologi.In ultima analisi il Convegno vuole fornire nuovi "input" utili a sviluppare le competenze del Biologo ambientale, definite ma poco note, sancite dal 24 Maggio 1967 n.396 e dal  D.P.R 5 Giugno 2001 n.328 . Nello specifico sono oggetto della professione del Biologo  analisi e controlli dal punto di vista biologico delle acque potabili e minerali e valutazione dei parametri ambientali (acqua, aria, suolo) in funzione della valutazione dell’integrità degli ecosistemi naturali, controllo e studio di attività dei radioisotopi, ad esempio la loro determinazione nei principali componenti ambientali;  progettazione, direzione lavori e collaudo di impianti relativamente agli aspetti biologici, e non ultima la relativa valutazione di impatto ambientale.

Torna su
PalermoToday è in caricamento