Bar e pub, pioggia di richieste per il suolo pubblico: al Suap arrivate 51 domande

Leoluca Orlando: "I dati ci confermano la bontà della nostra impostazione tecnica e amministrativa e che i commercianti stanno utilizzando questo nuovo sistema che sicuramente favorirà le loro attività"

Sono 51 le richieste pervenute finora al Suap di Palermo per nuove concessioni, o per l'estensione di concessioni già esistenti, relative all'occupazione di suolo pubblico da destinare a servizi di ristorazione e affini, inclusi bar, pub e attività turistico-ricettive. Nei giorni scorsi, con un atto di indirizzo approvato in giunta su proposta degli assessori Piampiano e Catania, si è deciso di rendere più veloce e snello il procedimento di richiesta e concessione del suolo pubblico a favore degli esercizi commerciali.

 "I dati - dichiara il sindaco Leoluca Orlando - ci confermano la bontà della nostra impostazione tecnica e amministrativa e che i commercianti stanno utilizzando questo nuovo sistema che sicuramente favorirà le loro attività. Un modo per rendere la fruizione delle aree più sicura, così come più sicura ed efficace la fase della ripresa delle attività economiche".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il Comune di Palermo - afferma l'assessore Leopoldo Piampiano - ha scelto una metodologia del tutto innovativa che va ben oltre la semplificazione proposta a livello nazionale e adottata in diversi Comuni. In particolare, è stato di fatto del tutto abolito, almeno per le richieste relative ai marciapiedi e alle aree pedonali, lo stesso concetto di 'istanza', sostituito da quello di 'comunicazione'. Questo richiede ai commercianti un piccolo impegno formale in più nella fase istruttoria, ma azzera del tutto i tempi concessori. Analoga semplificazione, anche se meno drastica, vale anche per le aree interessate da richieste per la sede stradale per le quali restano indispensabili necessari controlli legati alla viabilità, affidati agli uffici del traffico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento