Economia

Valorizzare le specie vegetali autoctone siciliane e tunisine: domani la presentazione del progetto

La conferenza stampa internazionale si svolgerà sulla piattaforma Zoom dalle ore 9.30

In settori particolarmente vulnerabili come quello agricolo in cui l’impatto dei cambiamenti climatici sulle rese e sulla qualità può essere significativo, la ricerca e l’innovazione assumono un ruolo rilevante per sviluppare sistemi di produzione flessibili e resilienti. Si inquadra in questa ottica la conferenza stampa internazionale in programma domani 13 ottobre 2021 che vede coinvolto anche il Crea Dc-Bagheria (Centro di ricerca difesa e certificazione). La conferenza si svolgerà sulla piattaforma Zoom, dalle ore 9.30, e segna la presentazione ufficiale del progetto Espas - Valorisation des espèces végétales autochtones siciliennes et tunisiennes avec un intérêt nutritif et bon pour la santé, co-finanziato dal Programma di cooperazione transfrontaliera Italia Tunisia 2014/2020- premier appel à projets standard- e realizzato da un pool di partner internazionali italiani e tunisini. 

Il progetto promuove la cooperazione e le sinergie fra i ricercatori che operano nel settore della nutraceutica e le aziende agricole e di trasformazione in Sicilia e in Tunisia.

L’evento consentirà agli stakeholders, al più ampio pubblico internazionale e ai media di conoscere il progetto Espas attraverso il confronto sui temi della valorizzazione delle specie vegetali autoctone ad alta valenza nutraceutica e salutistica, le produzioni e l’uso di tecniche colturali a basso impatto ambientale; l’innovazione e il mercato nel comparto fitoterapico, cosmetico, vivaistico e del turismo esperienziale e relazionale. L’evento sarà tradotto simultaneamente in francese. La partecipazione è gratuita, previa registrazione online.

Link di registrazione per partecipare all'evento: https://bit.ly/2YpSyXg
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valorizzare le specie vegetali autoctone siciliane e tunisine: domani la presentazione del progetto

PalermoToday è in caricamento