Economia

Concessione del suolo pubblico per ristoranti all’aperto: "Serve deroga al regolamento"

La richiesta, inoltrata al Comune, porta la firma di Fipe Confcommercio e fa seguito a un primo incontro avvenuto venerdì scorso con il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore alla Mobilità Giusto Catania

Fipe Confcommercio Palermo ha chiesto al Comune una deroga al regolamento per la concessione del suolo pubblico per attività di ristoro all'aperto. La richiesta, firmata dal presidente Fipe Antonio Cottone, fa seguito a un primo incontro avvenuto venerdì scorso con il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania. La richiesta, per snellire le procedure burocratiche. è che la "perizia asseverata sia sostituita da un'autocertificazione che permetta di superare in tempi celeri alcuni passaggi costosi e spesso farraginosi".

"L'applicazione dei protocolli sanitari che i nostri locali hanno sempre rispettato ha più che dimezzato i coperti mentre i costi fissi sono rimasti invariati - spiega Cottone - La sinergia con il Comune diventa indispensabile per garantire la migliore ripresa possibile delle nostre attività dopo un anno di gravi perdite economiche e la massima sicurezza per i nostri clienti. Il regolamento per la concessione del suolo pubblico è stato approvato prima dell'inizio della pandemia e adesso è necessario trovare soluzioni alternative che vadano nella direzione di regole più flessibili e chiare e di controlli rigorosi per chi non rispetterà le regole e per evitare gli assembramenti fuori dai locali che vanificano i nostri sforzi per contenere il contagio. Oggi le esigenze nostre e della città sono completamente diverse ed è per questo che auspichiamo un costante confronto che potrà riguardare anche una rivisitazione degli orari della Ztl notturna che consenta anche la fruizione dei locali del centro storico".

Francesco Scoma, deputato nazionale  di Italia Viva, raccoglie l’appello della Fipe e chiede alla Giunta Orlando una deroga al regolamento delle occupazioni di suolo pubblico: "Subito più spazio per i dehors delle attività commerciali, turistiche e di ristorazione, oltre all’esonero dei relativi canoni per i prossimi diciotto mesi. Il Comune farebbe bene ad allinearsi a quanto concesso da tante altre amministrazioni locali per concedere l’ampliamento degli spazi esterni per rilanciare questi settori in grande sofferenza per la pandemia. La zona gialla è a un passo, serve tempo per riprogrammare, offrire nuove soluzioni di sicurezza ai clienti e nuove occasioni di occupazione. Facciamoci trovare pronti per cogliere la voglia di ripartire con percorsi amministrativi più semplici, velocizzando l’iter per le autorizzazioni con una autocertificazione. Manca poco alla fine della consiliatura, Orlando e i suoi assessori provino a fare qualcosa di utile per la città".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concessione del suolo pubblico per ristoranti all’aperto: "Serve deroga al regolamento"

PalermoToday è in caricamento