Nuovo regolamento per i commercianti morosi: "Suona come un ricatto"

Confesercenti critica il provvedimento annunciato dal Comune: "Non aiuta l'economia cittadina e prende di mira ancora una volta le imprese in difficoltà". Reina: "Gli evasori vanno scovati ma sono perseguibili senza arrivare alla revoca della Scia"

La giunta di Confesercenti

"Il nuovo regolamento suona come un "ricatto" e non aiuta di certo l'economia cittadina, ancora una volta saranno prese di mira le imprese in difficoltà". A commentare senza mezze misure il provvedimento annunciato dal Comune che prevede di sanzionare i commercianti non in regola con i tributi locali è la giunta di Confesercenti Palermo.

Guerra del Comune ai commercianti morosi: ritiro della licenza per chi non paga

"Gli evasori - dice Nunzio Reina, responsabile dell'area Produzione - vanno certamente scovati e le tasse comunali pagate, ma non dimentichiamo che i morosi sono perseguibili a prescindere, anche senza arrivare alla chiusura dell'attività o alla revoca della Scia. Il numero delle chiusure che si registra a Palermo è già elevatissimo e parla chiaro, non si può quindi continuare a penalizzare le imprese. Tra l'altro, visto che spesso i commercianti puntano il dito contro i servizi carenti, sarebbe il caso di diminuire la tassazione o di offrire servizi di qualità".

"Molti negozianti della città - sottolinea Massimiliano Mangano, responsabile dell'area Commercio - vivono già una situazione complessa, specie nelle zone chiuse al traffico o nelle aree in cui sono presenti cantieri. Eventuali chiusure o sospensioni delle licenze potrebbero soltanto danneggiarli ulteriormente". "Va inoltre intensificata l'attività di controllo sull'abusivismo - aggiunge Francesca Costa, presidente di Confesercenti Palermo - perché rappresenta uno dei fenomeni che più danneggia il tessuto produttivo. Se il nuovo regolamento prevede sanzioni durissime per gli evasori individuati tra chi deve rinnovare la licenza o l'ha richiesta, ci auguriamo un contrasto altrettanto severo verso coloro che hanno avviato la propria attività senza aver mai ricevuto alcuna autorizzazione e lavora quindi da abusivo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento