Venerdì, 24 Settembre 2021
Economia

L'impatto del Pnrr e il balzo in avanti dell'economia siciliana: per la Regione +5,1% già nel 2021

Il Defr approvato dalla giunta regionale, su proposta del presidente Musumeci e dell'assessore all'Economia Armao, prevede che nel 2024 il Prodotto interno lordo dell'Isola dovrebbe superare la cifra mai raggiunta di 100 miliardi di euro

Balzo in avanti per l'economia siciliana: secondo le previsioni del Documento di economia e finanza regionale 2022-2024 il Pil nel 2021 si attesterà al 5,1%. Il dato, se confermato, rappresenterebbe un aumento anche rispetto al Pil nazionale che, nel Def, è stabilito al 4,5%. "Tale dato è giustificato dal fatto che nell'economia regionale si manifesta un più accentuato effetto rimbalzo rispetto alla caduta dell'anno scorso, combinato con l'attivazione di rilevanti investimenti pubblici", spiegano dall'assessorato all'Economia.

Ottimiste, dunque, le previsioni contenute nel documento approvato dalla giunta regionale su proposta del governatore Nello Musumeci e dell'assessore all'Economia Gaetano Armao. In Sicilia, infatti, a condizioni date, la crescita proseguirà anche nel 2022, con il +4,7% e nel 2023, con + 3,3%, con un incremento del PIL nel triennio (2021-23) che supererà il 13%, segnando un recupero sui livelli pre-crisi di quasi il 5%. E nel 2024 conseguendo un +1,8% il Prodotto interno lordo della Sicilia dovrebbe superare la cifra mai raggiunta di 100 miliardi €.

Alla base di questi numeri, le aspettative sull’impatto che le risorse del PNRR e del Fondo complementare destinate alla Sicilia, circa 20 miliardi €, dovrebbero avere sullo sviluppo e sulla crescita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'impatto del Pnrr e il balzo in avanti dell'economia siciliana: per la Regione +5,1% già nel 2021

PalermoToday è in caricamento