menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid e nuovo Dpcm, Confesercenti al sindaco: "Proclamare lo stato di crisi"

L'associazione sottolinea che "a subire gli effetti negativi delle misure introdotte dal nuovo decreto sono soprattutto il settore della ristorazione e tutto l'indotto del turismo"

Proclamare lo stato di crisi e convocare un tavolo di confronto permanente con le associazioni datoriali. Dopo una riunione con tutti i componenti della Giunta provinciale sulle grandi difficoltà provocate dalle nuove restrizioni anti Covid, sono queste le richieste di Confesercenti Palermo all'amministrazione comunale.

L'associazione ha inviato una lettera al Comune nella giornata di ieri, precisando che "a subire gli effetti negativi delle misure introdotte dal nuovo Dpcm sono soprattutto il settore della ristorazione e tutto l'indotto del turismo. Basti pensare che Palermo, da sempre tra le città d'arte più apprezzate a livello internazionale, ha registrato negli ultimi sette mesi un crollo della domanda turistica che supera il 60 per cento rispetto a quello del precedente anno".

Un crollo che si ripercuote inevitabilmente su ogni genere di attività, dagli esercizi commerciali alle botteghe degli artigiani, fino ai servizi. "Per questo - scrive Confesercenti Palermo - gli aiuti messi in campo a livello nazionale con il decreto Cura Italia, il decreto Liquidità e ora con il decreto Ristori, così come le misure introdotte a livello regionale con la Legge di stabilità, non sembrano dare il giusto sostegno a tutte le imprese che rischiano di chiudere per sempre. Senza una strategia politica che prevede provvedimenti equi - sottolinea - si rischia di mettere a repentaglio definitivamente il futuro di tutto il tessuto economico del nostro territorio. La proclamazione dello stato di crisi e l'avvio di un confronto tra le categorie e l'amministrazione comunale, può permetterci di valutare misure e soluzioni condivise per aiutare le imprese a uscire da questo momento di profonda difficoltà".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento