Economia

Accenture, è dura: British Telecom non si presenta al Ministero

La mancata presenza della multinazionale è vista dai sindacati come un pessimo segnale: "Per noi è la prova che qualcuno non vuole trovare un accordo per garantire continuità occupazionale ai 262 lavoratori coinvolti"

Delegazione dei lavoratori davanti al Mise - foto facebook

Per qualcuno è un pessimo segnale. E forse non potrebbe essere altrimenti. La British Telecom ha disertato l'"appuntamento" al ministero del Lavoro, malgrado una convocazione di due settimane fa, per discutere sulla vicenda del sito di Palermo di Accenture outsourcing. Un indizio - l'ennesimo - giudicato in modo negativo in relazione alla sorte dei 262 lavoratori per i quali circa quindici giorni fa è stata avviata la procedura di licenziamento. E i sindacati sono sul piede di guerra.

Così Luigi Le Pera della segreteria nazionale dell’UGL Telecomunicazioni: “Nella giornata di oggi la mancata presenza di British Telecom è la prova che qualcuno non vuole trovare un accordo per garantire continuità occupazionale ai 262 lavoratori coinvolti”.

“A questo punto - insiste il sindacalista - è necessario che le istituzioni facciano sentire la loro voce per ricondurre British Telecom alla ragionevolezza e a quel senso di responsabilità che il Sindacato ha invocato su tutti i tavoli. Il paradosso è che British Telecom opera anche su commesse della rete di comunicazioni ministeriale; invitiamo il premier Renzi ad evitare giri turistici presso complessi industriali esteri e del nostro Paese ma di agire affinchè in Italia non possa avvenire tutto questo ed agire quindi concretamente per difendere l’occupazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accenture, è dura: British Telecom non si presenta al Ministero

PalermoToday è in caricamento