In Abruzzo

Manifesti contro il concerto di Daniele De Martino: "Canta ai matrimoni dei mafiosi"

Accade a San Giovanni Teatino, in provincia di Chieti, dove l'artista neomelodico palermitano si esibirà il 21 agosto per chiudere le feste patronali

Scoppia la polemica a San Giovanni Teatino, in provincia di Chieti, per il concerto del cantante neomelodico palermitano Daniele De Martino, in programma lunedì 21 agosto in chiusura delle feste patronali. Un evento che sta scatenando malumori tant’è che nei giorni scorsi in città sono apparsi dei volantini di protesta. "Vergogna. Far esibire un personaggio che canta solo ai matrimoni di mafiosi e camorristi", si legge nei manifesti.  

Non è la prima volta che un’esibizione di Daniele De Martino crea polemiche. Il cantante neomelodico da oltre 650 mila follower su Facebook e più di 155 mila brani scaricati su Spotify in passato era stato richiamato dal questore di Palermo per alcune foto con persone vicine a Cosa nostra e per i testi di alcune sue canzoni "contro i pentiti"; in più occasioni i suoi concerti sono stati bloccati da ordinanze prefettizie.  

Per molti anche il concerto del 21 agosto si doveva evitare e nel paesino abruzzese alcune famiglie hanno segnalato l’evento in questura. "La mia preoccupazione non è legata all'artista di cui non mi permetto di giudicare la bravura o meno, la mia preoccupazione è legata al tipo di cultura che attira e che diffonde", spiega una cittadina di San Giovanni Teatino.

Su Facebook c’è chi invita "a non andare se non gradito", ma c’è anche chi non vede nulla di male dal momento che "si tratta soltanto di un concerto" e invita a "non lamentarsi per ogni cosa che si organizza". Il concerto di De Martino in piazza San Rocco è comunque confermato: ieri è arrivato il via libera dal tavolo in prefettura a Chieti.

Fonte: ChietiToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifesti contro il concerto di Daniele De Martino: "Canta ai matrimoni dei mafiosi"
PalermoToday è in caricamento