rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca Tribunali-Castellammare / Piazza Magione

Vandali danneggiano l'installazione di piazza Magione: "Non ci arrendiamo agli incivili"

Ignoti hanno abbattuto l'opera collocata dall'artista Giuseppe Lana nell'ambito della Bam. L'assessore alle Culture Darawsha: "Il cambiamento culturale non si fermerà, la ripristineremo". Orlando: "Quanto accaduto frutto di scarso rispetto per diversità e cultura"

Vandali in azione a piazza Magione, danneggiata l'installazione dell'artista Giuseppe Lana. "Crossover", così si chiama l'opera composta da quattro sbarre meccaniche, è stata collocata alla Magione nell'ambito della Bam (Biennale arcipelago mediterraneo), l'iniziativa di promozione artistica "sposata" dall'amministrazione comunale.

"Apprendiamo che alcuni incivili hanno vandalizzato l'installazione - afferma Adham Darawsha, assessore comunale alle Culture, che ha pubblicato un post su Facebook -. L'arte contemporanea serve a far discutere e le critiche sono ben accette, ma non accetteremo mai atti di violenza. Le opere d'arte possono essere criticate ma non danneggiate. Per questo motivo non intendiamo arrenderci a questi incivili. Porteremo avanti la Biennale ripristinando l'opera, mettendola in sicurezza. Gli incivili non fermeranno mai il cambiamento culturale che stiamo portando avanti".

Sull'accaduto è intervenuto anche il sindaco Leoluca Orlando: "La promozione delle culture ha permesso alla nostra città di scoprire se stessa, di emergere internazionalmente e di divenire un riferimento internazionale apprezzato da centinaia di migliaia di turisti ogni anno.Palermo si schiera e si schiererà sempre per la libertà di espressione artistica. Condanniamo con forza l'accaduto frutto dell’inciviltà di alcuni e dello scarso rispetto che taluni hanno per la diversità e per la cultura, vero motore di cambiamento nella nostra città".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali danneggiano l'installazione di piazza Magione: "Non ci arrendiamo agli incivili"

PalermoToday è in caricamento