Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

"La truffa degli smartphone": servizi a pagamento all'insaputa dei clienti

Sono tantissime le segnalazioni arrivate da utenti che hanno perso decine di euro a causa di abbonamenti non richiesti su cellulare, anche attraverso software che simulano il "doppio click" sui telefonini

Telefonia, servizi a pagamento attivati a insaputa dei clienti, anche attraverso software che simulano il "doppio click" sugli smartphone. Sono tantissime le segnalazioni arrivate da utenti che hanno perso decine di euro a causa di abbonamenti non richiesti su cellulare. "La modalità è identica - dice Manlio Arnone presidente dell’Unione dei Consumatori - l'utente scopre di stare perdendo soldi sulla ricaricabile e chiama il call center, l'operatore risponde che ci sono abbonamenti attivi, il problema che non sono stati richiesti dall’utente o spesso si attivano inconsapevolmente con pubblicità civetta che fanno da trappola, per i clienti che rimangono vittime di questi abusi".

In alcuni casi si tratta di vere e proprie truffe. "Abbiamo attivato un numero dove poter ottenere informazioni su come disattivarli o ancora se sussistono gli estremi di una responsabilità attribuibile a un provider di servizi o a un gestore telefonico come procedere alla richiesta d’indennizzo, l’importante è reclamare entro sei mesi dopo la fatturazione", aggiunge Arnone.

"Per ricevere informazioni o assistenza - si legge in una nota - si può chiamare il numero 091 8439038 oppure inviare un messaggio sul form che si trova nella pagina https://www.unionedeiconsumatori.it".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La truffa degli smartphone": servizi a pagamento all'insaputa dei clienti

PalermoToday è in caricamento