Cronaca Partinico

Partinico, sequestrate 100 mascherine fuorilegge in un negozio d’abbigliamento

La guardia di finanza è intervenuta sulla scorta dell'analisi delle istanze presentate all'Inail e all'Iss per la commercializzazione dispositivi di protezione individuale. Multa salata per il rappresentante legale dell'impresa

Sequestrate 100 mascherine prodotte da una società ma senza marchio Ce. La guardia di finanza ha tolto dal mercato una partita di dispositivi di protezione individuale "privi di qualsiasi certificazione di conformità" e messi in vendita in un negozio di abbigliamento di Partinico (del quale non è stato fornito il nome, ndr). Il rappresentante legale dell'impresa, il 43enne M.B., è stato segnalato alla Camera di commercio per la violazione dell'articolo 23 del decreto legislativo 46/1997 che prevede una sanzione che va dai 21.400 ai 128.400 euro.

L'operazione dei finanzieri è scattata nell’ambito di un piano di intervento volto a garantire la sicurezza dei prodotti correlati all’emergenza epidemiologica da Covid-19. "L’attività - si legge in una nota - è scaturita a seguito dell'analisi delle istanze presentate all’Inail o all’Istituto superiore di sanità per la produzione e la commercializzazione in deroga di dispositivi di protezione individuale e ha permesso di rilevare che l’amministratore dell’azienda aveva immesso in commercio le mascherine chirurgiche nonostante il parere contrario".

Ulteriori approfondimenti hanno permesso di accertare che la dichiarazione di conformità del marchio Ce apposto sui medesimi dispositivi protettivi non fosse valida in quanto la società emittente non è risultata accreditata per tale tipologia di servizio. Atteso l’indebito utilizzo da 
parte dell’importatore e dei commercianti, che avevano già utilizzato la predetta dichiarazione per scopi pubblicitari e certificativi del marchio della comunità europea, la società emittente aveva decretato la definitiva invalidità della dichiarazione di conformità del marchio Ce.

"Per questa ragione - prosegue la nota - le mascherine chirurgiche, prevalentemente destinate ai dipendenti e alla clientela dell’esercizio commerciale, sono risultate prive di qualsiasi certificazione di conformità attestante la sicurezza dei dispositivi e, dunque, sono state sottoposte dai finanzieri a sequestro amministrativo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partinico, sequestrate 100 mascherine fuorilegge in un negozio d’abbigliamento

PalermoToday è in caricamento