"Palermo non merita un servizio scadente”: nuovo sciopero dei lavoratori Amat

Cobas e Ugl hanno proclamato l'agitazione per venerdì 13 maggio. Verranno garantite le corse degli autobus nelle fasce orarie tra l'inizio del servizio e le 8,30 e tra le 17,30 e la fine del servizio

Cobas e Ugl hanno proclamato per venerdì 13 maggio uno sciopero di 24 ore dei lavoratori Amat. "Nel rispetto della legge -  si legge in una nota - verranno garantite le corse degli autobus nelle fasce orarie comprese tra l’inizio del servizio e le 8,30 e tra le 17,30 e la fine del servizio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dopo gli scioperi di 4 e 8 ore – afferma Antonino La Barbera, segretario regionale dei Cobas del Lavoro Privato - abbiamo proclamato questa terza astensione dal lavoro, stavolta per l’intera giornata, perché con i nuovi turni l’Amat ha fatto sprofondare il trasporto pubblico urbano nel caos più totale. Palermo non merita un servizio così scadente, con un numero sempre minore di bus su strada e un’organizzazione delle linee che non risponde alle esigenze dell’utenza”.

Cobas e Ugl chiedono all’Amat "di mettere a disposizione delle forze sociali i dati di bilancio relativi al primo trimestre 2016 e dare risposte ai cittadini su evidenti 'falle' nel servizio". “L’azienda – aggiunge La Barbera – tarda a rimpiazzare le macchinette emettitrici alle fermate del tram ed a ripristinare l’app per i biglietti. Strumenti utilissimi perché ormai nelle rivendite non si trovano più biglietti”.

Secondo Corrado Di Maria, segretario provinciale Ugl-Autoferrotranvieri, “il flop dei nuovi turni, oltre a creare enormi disagi, sta provocando una perdita di chilometri percorsi dai bus e conseguente diminuzione del contributo regionale. Auspicavamo in questa fase delicata – conclude Di Maria – un maggior senso di responsabilità dei vertici aziendali e in particolare del sindaco Orlando, a garanzia dell’Amat e della salvaguardia dei posti di lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento