rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Terrasini

Colpo da 100 mila euro alla Credem di Terrasini: clienti minacciati e impiegati legati con le fascette

La banca è stata assaltata da tre banditi che si sono finti clienti: avevano il volto coperto dalla mascherina e da un cappellino di lana. Ad attenderli fuori sembrerebbe che ci fosse un complice. Indagano i carabinieri della compagnia di Carini 

Colpo da 100 mila euro alla Credem di Terrasini. E' questo il bottino di una rapina avvenuta statamattina presso la filiale della banca in corso Vittorio Emanuele III.

In tre sono entrati in banca fingendosi clienti con il volto coperto dalla mascherina e da un cappellino di lana. Una volta dentro hanno minacciato i clienti e i dipendenti e hanno legato tutti con delle fascette di plastica. Poi hanno prelevato soldi che si trovavano in cassa e sono fuggiti. Ad attenderli fuori sembrerebbe che ci fosse un complice.  

A lanciare l’allarme gli stessi impiegati non appena i rapinatori sono fuggiti. Le indagini sono condotte dai carabinieri della compagnia di Carini che hanno già acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza.

"Purtroppo, i rapinatori sono sempre all’opera - dice in una nota Gabriele Urzì, segretario provinciale Fabi Palermo e responsabile Salute e Sicurezza - e solo per una fortunata combinazione non ci sono state conseguenze gravi. Occorre investire massicciamente in sicurezza, dotare le filiali più esposte o logisticamente o per livelli di business di guardiania armata e dotarsi di tutti gli accorgimenti più sofisticati atti a prevenire le rapine per evitare che accadano fatti come quelli registrati oggi. Peraltro, l’attuale pandemia, che impone l’ingresso con le mascherine, facilita l’operato dei malintenzionati che si avvantaggiano dei volti travisati. Ma questo purtroppo tanti responsabili della sicurezza delle banche lo sottovalutano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo da 100 mila euro alla Credem di Terrasini: clienti minacciati e impiegati legati con le fascette

PalermoToday è in caricamento