menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso del museo

L'ingresso del museo

Piana degli Albanesi, 110 mila euro per riqualificare il museo civico e piazza Vittorio Emanuele

Si tratta di fondi Ue sbloccati dal Gal- Gruppo di azione locale Terre Normanne. Tra gli interventi in agenda, anche il restauro del rivestimento in marmo della fontana dei Tre Cannoli

A Piana degli Albanesi via libera alla riqualificazione degli atrii del museo civico Nicola Barbato, della pavimentazione di piazza Vittorio Emanuele e del rivestimento in marmo della fontana dei Tre Cannoli. I lavori saranno eseguiti con 110 mila euro di fondi europei attraverso un bando del Gal- Gruppo di azione locale Terre Normanne, presieduto da Marcello Santo Messeri, al quale il Comune ha partecipato su iniziativa del sindaco, Rosario Petta. Il decreto di finanziamento è stato consegnato dal direttore amministrativo del Gal, Giuseppe Sciarabba.

Riqualificazione del patrimonio artistico, e non solo: in concomitanza con gli interventi previsti dalla sottomisura 7.2 del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione, l'amministrazione comunale farà spostare la statua di padre Giorgio Guzzetta dall’attuale posizione, in piazza Vittorio Emanuele. Troverà posto nel primo atrio del museo, "essendo la dimensione della statua - dice il sindaco Petta - più pertinente e coerente con il nuovo contesto" e precisando che "i costi dello spostamento saranno sostenuti dal Comune". Un omaggio a colui che il vescovo Giorgio Demetrio Gallaro definì "L'Apostolo dei siculi-albanesi", membro autorevole della Congregazione dei Padri Filippini, gli artefici della realizzazione dell'ex complesso monastico del XVII secolo teatro degli interventi.

Nei due atrii del museo, entrambi scoperti, la pavimentazione verrà sostituita con acciottolato e basole di pietra locale a costituire nuovi disegni. Camminamenti nuovi per poter ammirare la statua di padre Giorgio Guzzetta, fondatore nel 1734 di un seminario greco-albanese a Palermo e le cui spoglie giacciono nella cattedrale dell'Eparchia, a duecento metri circa dall'area degli interventi. La statua sarà posizionata su di una piattaforma realizzata in basole di pietra. Contestualmente, le pareti esterne che cingono tutto l’atrio del museo verranno intonacate e verrà applicata una finitura con tonachina tipo Li Vigni. Infine per la pavimentazione di piazza Vittorio Emanuele, che presenta segni di degrado con cedimento di parte del sottofondo e rottura di alcune basole, sarà eseguito un intervento di bocciardatura per garantire il ripristino di una superficie antiscivolo che con il tempo è venuta meno a causa delle piogge. Inoltre verrà sostituita l’attuale pavimentazione in via Antonio Gramsci, che per un tratto di 30 metri è in cemento, con basole di pietra locale.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento