menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arresti al Borgo, Orlando: "Lo Stato protegge chi decide di ribellarsi al pizzo"

Con queste parole il sindaco Leoluca Orlando ha commentato l'operazione messa a segno oggi dai carabinieri

"L'operazione condotta dai carabinieri e coordinata dalla Procura della Repubblica con grande professionalità dimostra come sia necessario non abbassare la guardia contro una vitalità mai sopita delle cosche. Dimostra anche che lo Stato può essere in grado ed è in grado di proteggere chi decide di ribellarsi al pizzo e alla violenza. Che, come giustamente sottolineato dai vertici dei carabinieri, lo Stato sa tutelare chi decide di esporsi contro il ricatto mafioso". Con queste parole il sindaco Leoluca Orlando ha commentato l'operazione messa a segno oggi dai carabinieri.

Le forza dell'ordine hanno assestato un duro colpo al mandamento mafioso di Palermo Porta Nuova e, in particolare, sulla famiglia mafiosa di Borgo Vecchio dando esecuzione a un provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso nei confronti di 20 indagati, ritenuti a vario titolo responsabili dei delitti di associazione per delinquere di tipo mafioso,  associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, associazione per delinquere finalizzata ai furti e alla ricettazione, tentato omicidio aggravato, danneggiamento seguito da incendio, estorsioni consumate e tentate aggravate, danneggiamento aggravato, furto aggravato e ricettazione.

L'indagine, coordinata da un gruppo di sostituti diretti dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca, costituisce un'ulteriore fase di un'articolata manovra condotta dal Nucleo investigativo di Palermo sulla famiglia mafiosa di Borgo Vecchio che, sottolineano gli investigatori, "ha consentito di comprovare la perdurante operatività di quell'articolazione di Cosa Nostra dopo l'ultima operazione del novembre 2017". L'operazione ha permesso di individuare il nuovo reggente della famiglia di Borgo Vecchio, Angelo Monti che si è occupato della riorganizzazione dell'articolazione mafiosa, affidando posizioni direttive a suoi uomini di fiducia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento