Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Tribunali-Castellammare / Piazza Padre Giorgio Guzzetta

Raid al liceo Regina Margherita: computer rubati e aule vandalizzate

I ladri hanno messo a soqquadro i locali della succursale, a Ballarò. Il sindaco Leoluca Orlando: "Azione criminale. Un tentativo di minare la fiducia e la speranza nel futuro che noi tutti abbiamo il dovere di assicurare ai giovani". Sull'episodio indaga la polizia.

Raid vandalico al liceo Regina Margherita. I ladri hanno messo a soqquadro le aule della succursale, a Ballarò, portando via tablet e pc, e distruggendo alcuni arredi. Ad accorgersi dell'incursione stamani è stato il personale della scuola, che ha dato immediatamente l'allarme. Sull'episodio indaga la polizia. 

"Azioni criminali come questa - commenta il sindaco metropolitano, Leoluca Orlando - non possono che essere condannate duramente poiché oltre a distruggere e sottrarre strumenti necessari a garantire il diritto all'istruzione dei nostri ragazzi, rappresentano un tentativo di minare la fiducia e la speranza nel futuro che noi tutti abbiamo il dovere di assicurare ai giovani. Esprimo solidarietà e vicinanza agli studenti, al dirigente, ai docenti e a tutto il personale, sicuramente scossi per la violazione di un luogo parte fondamentale della loro quotidianità!.

Al preside Domenico Di Fatta, ai docenti e ai ragazzi dell'istituto arriva la solidarietà dl Centro studi Pio La Torre. "Il raid vandalico - dice il presidente Vito Lo Monaco - colpisce il cuore della scuola, la sua missione formativa nella costruzione di un futuro diverso per tanti studenti che si affacciano pieni di speranza al nuovo ciclo di lezioni dopo essere stati costretti dal Covid alla didattica a distanza. Senso civico, responsabilità, impegno e sensibilità sono i valori che da anni portiamo avanti con i ragazzi - aggiunge - attraverso il nostro progetto educativo antimafia al quale il liceo Regina Margherita aderisce. Sottrarre dei computer, vandalizzare delle aule vuol dire negare una prospettiva che può essere un'occasione di riscatto per tanti. Chi colpisce la scuola colpisce tutti noi", conclude.

Anche Flc Cgil e Cgil Palermo manifestano "solidarietà e vicinanza al dirigente, ai docenti, agli operatori, alle alunne e agli alunnim, all’intera comunità scolastica bersaglio di un raid vandalico nel fine settimana con il furto di computer e tablet, la distruzione degli armadietti scolastici e i danneggiamenti in sala professori e in altri ambienti". "Esprimiamo sdegno per questi attacchi vili, che condanniamo in maniera decisa. Il furto degli strumenti didattici, che è da censurare, colpisce innanzitutto gli studenti che si preparano al loro futuro, prima ancora che la scuola - dichiarano il segretario generale Flc Cgil Palermo Fabio Cirino e il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo - Danneggia i ragazzi, molti dei quali sono figli stessi del quartiere e di altre zone della città, privandoli degli strumenti che rappresentano le forme del loro arricchimento. Già le nostre sedi scolastiche, dal punto di vista edilizio non brillano di luce propria. Andarle a privare di strumenti di servizio, che quest'anno sono stati determinanti per consentire ai ragazzi l'accesso alla dad, è una ferita brutta, che deve spingere i cittadini  a stringersi e a sostenere la comunità scolastica. Siamo particolarmente vicini al dirigente scolastico Domenico Di Fatta e comprendiamo l'enorme sconforto e la  rabbia per un atto vandalico che danneggia un liceo che per il quartiere è presidio e punto di riferimento di legalità e  di impegno civile. “Nel chiedere l’intensificazione della vigilanza - aggiungono Cirino e Ridulfo -  la Flc Cgil e la Cgil Palermo si rendono disponibili a partecipare a a una forma concreta di solidarietà che sarà decisa nei modi e nei termini  ritenuti più utili”.

"Ogni raid che colpisce un istituto scolastico è un colpo al cuore della comunità educative di tutta la città, siamo vicini al dirigente scolastico e al personale e agli studenti dell’Istituto Regina Margherita di Palermo”. Ad affermarlo sono Leonardo La Piana segretario generale Cisl Palermo Trapani e Vito Cassata segretario generale Cisl Scuola Palermo Trapani. "Condanniamo - sottolineano - questi episodi gravi che sottraggono strumenti fondamentali agli studenti della scuola in un quartiere come Ballarò, e allo scopo educativo fondamentale per l’istituto. Atti vili dei quali ci auguriamo vengano individuati i responsabili e per prevenire i quali sarebbe necessario un sistema di video sorveglianza. Siamo pronti ad aiutare la scuola a ‘ricostruire’ quanto perso e danneggiato".

Articolo aggiornato il 20 settembre 2021 alle ore 19,04 // Inserite dichiarazioni sindacati

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raid al liceo Regina Margherita: computer rubati e aule vandalizzate

PalermoToday è in caricamento