Incidenti stradali SS120, 286

Incidente sulla statale a Castelbuono, 66enne di Gangi muore dopo più di 40 giorni

Non ce l'ha fatta Salvatore Antonio Virga, vittima dell'impatto frontale con l'auto di un 27enne. Fuori pericolo invece la moglie che si trovava al suo fianco. Il giovane automobilista rischia di essere accusato di omicidio stradale

Il pronto soccorso del Policlinico

Dopo oltre quaranta giorni di agonia si è spento in un letto d’ospedale. È morto l’automobilista di 66 anni Salvatore Antonio Virga, originario di Gangi, vittima di un tragico incidente avvenuto lo scorso 19 aprile sulla strada statale 286, in contrada Canne Masche, nel territorio di Castelbuono. Fuori pericolo e dimessa ormai da tempo la moglie che quel giorno si trovava nel sedile lato passeggero. A indagare sull’accaduto i carabinieri e la Procura di Termini Imerese.

Secondo una prima ricostruzione le due auto, una Fiat 600 e un’Alfa Romeo, si sono scontrate frontalmente. Ancora da chiarire cosa abbia causato l’impatto con il mezzo guidato da un 27enne, G.A., per il quale al momento è stato ipotizzato il reato di lesioni. Cosa sia accaduto realmente potrà essere accertato nella relazione commissionata a un consulente tecnico d’ufficio al quale è stato demandato il compito di ricostruire la dinamica sulla scorta dei rilievi dei carabinieri.

Una volta ottenuto l’esito della consulenza la Procura dovrà stabilire se procedere nei confronti di G.A. per il reato di omicidio colposo o per quello di omicidio stradale. Non è escluso però che l’avvocato difensore del giovane automobilista decida di affidarsi a un perito di infortunistica per cercare alleggerire la sua posizione e avallare l’ipotesi secondo cui il 27enne sarebbe andato fuori strada per un problema legato allo stato del manto stradale. E a nulla sarebbe valso il tentativo di Virga di sterzare bruscamente in direzione della cunetta per evitare l’impatto frontale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente sulla statale a Castelbuono, 66enne di Gangi muore dopo più di 40 giorni

PalermoToday è in caricamento