Cronaca Tribunali-Castellammare / Via dei Cassari

Comune, guerra ai gazebo: i vigili urbani multano altri sei locali

Centro storico passato al setaccio dal nucleo di controllo delle attività produttive. In tutti i casi i titolari, poi denunciati all'autorità giudiziaria, occupavano abusivamente il suolo pubblico con sedie e tavolini. Scovato anche un locale "fantasma"

Guerra ai gazebo, i vigili multano sei locali (foto archivio)

Lotta ai gazebo abusivi, prosegue la battaglia del Comune. Il nucleo di controllo delle attività produttive (Caep) della polizia municipale ha sanzionato sei esercizi commerciali, tutti nel centro città, per occupazione abusiva del suolo pubblico. Di questi, però, il Comune ha fornito soltanto l'indirizzo. Due hanno ripristinato lo stato dei luoghi rimuovendo le strutture, mentre nei confronti di un'associazione culturale sono stati predisposti degli ulteriori accertamenti. Multato per 8 mila euro un locale "fantasma" di via Cassari il cui titolare, poi denunciato, non aveva comunicato l'inizio dell'attività e non possedeva l'autorizzazione sanitaria.

Continua senza sosta l’attività di controllo del Caep. Su nove esercizi pubblici sottoposti alle verifiche amministrative sei sono stati sanzionati per occupazione abusiva di suolo pubblico. I gazebo rimossi erano di un ristorante di via La Farina e di una pizzeria di via Nicolò Garzilli. Nella stessa via, in un’attività di somministrazione di alimenti e bevande, è stata riscontrata un’occupazione di circa ventuno metri quadrati di suolo pubblico con gazebo, tavoli e sedie. Il gazebo è stato sequestrato mentre è stata elevata una multa da 168 euro. Il titolare, invece, è stato denunciato all’autorità giudiziaria.

In via Messina è stata contestata l’occupazione di suolo pubblico con gazebo ad una pizzeria, il cui titolare ha ricevuto una sanzione di 300 euro, per attività non regolamentare. Sotto la lente della polizia municipale anche una drinkeria di via Garibaldi, dove è stata riscontrata un'occupazione di circa venti metri quadrati di suolo pubblico con tavoli, sedie ed altri elementi di arredo. Inoltre la registrazione dei volumi sonori diffusi nell’ambiente dagli impianti musicali del locale è risultata irregolare. Anche in questo caso il titolare è stato denunciato. In via Cassari sono stati stati controllati tre esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. Nel primo, è stata riscontrata l'occupazione di circa ottanta metri quadrati di suolo pubblico con tavoli, sedie ed altri elementi di arredo. Durante le verifiche era in corso una serata danzante con musica dal vivo non autorizzata. Oltre alla multa da 5 mila euro, il titolare si è "beccato" una denuncia all’autorità giudiziaria.

Nel secondo locale, il titolare, oltre la sanzione di 168 euro, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per occupazione abusiva di circa sessanta metri quadrati di suolo pubblico, con tavoli, sedie ed altri elementi di arredo. Il titolare del terzo locale, invece, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per occupazione di suolo pubblico. In quest'ultima circostanza non era stata data alcuna comunicazione di inizio attività del locale che, inoltre, non aveva ancora l'autorizzazione sanitaria. Per questo motivo la multa elevata ammonta a 8 mila euro. Infine, nei confronti di una associazione culturale sono di via Puglisi sono state riscontrate irregolarità amministrative per le quali sono stati predisposti ulteriori accertamenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, guerra ai gazebo: i vigili urbani multano altri sei locali

PalermoToday è in caricamento