Condanna Cortese, Licatini (M5s): “Solidarietà a poliziotto che ha scritto pagine della vera antimafia"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Non posso esimermi dal ringraziare il Questore Renato Cortese per il suo operato di una vita spesa a combattere la mafia in prima persona, senza sé e senza ma. Per chi come me è cresciuto in Sicilia, a cavallo tra gli anni '80 e '90, sa quanto sia cambiata la nostra terra, soprattutto grazie all’enorme lavoro di pulizia svolto da servitori dello Stato come Lui. Ancora vivida è nelle nostre menti l’immagine della memorabile cattura, e non fu chiaramente l’unica, di Bernardo Provenzano; arresto che fece tremare, non troppo a quanto pare, un sistema fin troppo consolidato. Il Questore uscente di Palermo, e lo possiamo affermare serenamente, è Uomo di grande spessore, professionalità, e senso del dovere. Insomma, oggi da Palermo se ne va un Poliziotto che ha partecipato alla scrittura delle più belle pagine della nostra storia siciliana, quella della vera antimafia, che sul campo, e non a parole, si è saputa guadagnare meriti indelebili. Ed è al Poliziotto Renato Cortese, oltre che all'Uomo, che va il nostro ringraziamento, e la nostra grande stima personale. In tutta l’assurda vicenda che lo ha visto coinvolto e condannato, ciò che invece avrebbe potuto riscuotere vero compiacimento sarebbe stata la condanna di Chi diede gli ordini politici. Ma così non è stato. Rispettiamo le sentenze, ma l’amaro in bocca c'è tutto. Oggi ho letto la lettera di saluto a Palermo di Renato Cortese e posso soltanto dire che siamo noi a ringraziare lui. Grazie di tutto Questore”. Con queste parole la deputata Caterina Licatini (M5S), esprime solidarietà a Renato Cortese a seguito della condanna a 5 anni per il sequestro (avvenuto nel 2013) e l’estradizione di Alma Shalabayeva, moglie di un dissidente kazako ricercato in patria per motivi politici.

Torna su
PalermoToday è in caricamento