Controlli della finanza nelle cartolibrerie: sequestrati articoli per la scuola e slime pericolosi

I militari sono intervenuti in due negozi a Carini, uno a Capaci e uno a Isola delle Femmine. Sotto sequestro 104 oggetti "non conformi agli standard qualitativi previsti dal Codice del consumo". Multati i negozianti

Prodotti per la scuola e per il tempo libero - tra cui album da colorare, matite, zaini e slime - erano normalmente in vendita "nonostante non rispettassero i requisiti di conformità alle normative europee e nazionali sulla sicurezza" ed è scattato il sequestro. A intervenire, in quattro cartolibrerie tra Carini, Capaci e Isola delle Femmine, è stata la guardia di finanza.

In particolare i finanzieri della tenenza di Carini sono intervenuti in due punti vendita a Carini, uno a Capaci e uno a Isola (non sono stati resi noti i nomi ndr) scoprendo che "erano posti in vendita prodotti di varia tipologia e provenienza privi dei requisiti di conformità alle normative europee e nazionali sulla sicurezza".

E' scatto il sequestro amministrativo di 104 prodotti per la scuola e per il tempo libero: album da colorare, matite, zaini, slime, temperamatite, borracce termiche e puzzle, "non conformi agli standard qualitativi previsti dal Codice del consumo e quindi pericolosi per la salute dei più piccoli). Il sequestro della merce ha anche comportato, a carico di ogni commerciante, sanzioni di tipo amministrativo sino a un massimo di 25 mila euro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento