Alloggi, borse di studio e stage formativi per restare al Sud: la proposta di Ersu e Ande 

L'idea punta sul coinvolgimento delle imprese e delle realtà del territorio attive in ambito sociale, come i club service e le onlus. Gli studenti beneficiari del loro aiuto potrebbero ricambiare l’ospitalità offrendo le proprie competenze

Borse di studio e stage formativi per l’inserimento degli studenti universitari nel mondo del lavoro, possibilmente offerti dalle imprese o da realtà del territorio attive in ambito sociale, come i club service e le onlus. E' questa la ricetta per restare al Sud che Ersu e Ande lanceranno alla fine dei lavori dell'iniziativa dedicata ai giovani siciliani in programma oggi, alle 16, nell'Aula Schembri della residenza universitaria Santi Romano (Edificio 1 in viale Delle Scienze).

"L’intento del dibattito 'Per restare al Sud: opportunità, formazione, scelte - spiegano dall'Ersu - è quello di contribuire a dare voce ai giovani che lasciano la Sicilia creando un momento di confronto serrato sulla necessità che vengano utilizzate le risorse disponibili al fine di garantire il diritto costituzionale al lavoro nella società del futuro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Strettamente connesso al tema principale è quello di garantire il diritto allo studio anche agli studenti bisognosi con una formazione adeguata al difficile mercato del lavoro. Perciò Ande ed Ersu - che hanno preparato i lavori insieme a padre Garau - lanceranno l’idea di un sodalizio da realizzare tra le realtà presenti al tavolo per costituire una rete di protezione che garantisca un alloggio a tempo determinato a quegli studenti che per problemi personali e familiari particolari hanno perso il diritto a fruire del servizio abitativo o ad avere assegnata la borsa di studio dall’Ersu, compromettendo la possibilità di completare gli studi universitari e quindi il proprio futuro. I ragazzi beneficiari – attraverso una sorta di “Banca del tempo” ricambierebbero l’ospitalità ricevuta offrendo le proprie competenze per occuparsi dei bisogni della comunità parrocchiale, cittadina o comunque del contesto nel quale insiste la struttura ospitante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

  • Incidente a Boccadifalco, schianto tra 2 auto: tre feriti, uno è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento