Sartoria palermitana tra le 25 più apprezzate al mondo: Crimi unica eccellenza siciliana

Ha conquistato uno spazio nel libro The Italian Gentlemen, diventato un best seller internazionale. Il titolare dell'impresa a conduzione familiare: "Un riconoscimento prestigioso che conferma che stiamo percorrendo la strada giusta"

Hugo Jacomet, Carmelo e Mauro Crimi

La sartoria palermitana Crimi unica siciliana tra le 25 eccellenze sartoriali maschili che hanno conquistato uno spazio nel volume The Italian Gentlemen, un libro di Hugo Jacomet con le fotografie di Lyle Roblin, edito da Thamed & Hudson, diventato un best seller internazionale.

“Per noi - ha commentato Mauro Crimi - rappresenta un riconoscimento prestigioso che conferma che stiamo percorrendo la strada giusta. Ritrovarci a far parte delle 25 sartorie maschili più apprezzate al mondo ci rende orgogliosi, ancora di più, di essere siciliani e di rappresentare nel mondo l’eleganza, lo stile e le tradizioni della nostra terra. Viene premiato, altresì, anche un piccolo modello imprenditoriale: un’azienda familiare, dedita all’alto artigianato, che rimane legata alle proprie origini, ma che sa muoversi bene nelle dinamiche di una società post globalizzata, come quella attuale. Un mix perfetto di 'local and global'".

La presentazione della riedizione del libro i è tenuta ieri sera all’Hotel De la Ville a Roma. A presentare la serata è stata presieduta dalla World Association of Master Tailors. Per realizzare il volume Jacomet ha lavorato per circa tre anni, facendo ricerca dalle Alpi alla Sicilia, incontrando e raccontando 50 nomi tra sarti, artigiani e aziende, realizzando una tra le più complete guide su quello che è l’attuale panorama dello stile sartoriale italiano.

La storia della sartoria Crimi

La sartoria Crimi, è nata nel 1970 nel cuore del centro storico palermitano, e il suo punto di forza, oltre all’eccellenza della manifattura, è la continuità generazionale. E’ stato Carmelo a fondare l’azienda, oggi  diretta insieme al figlio Mauro, che è diventata, nel giro di poco tempo, un importante punto di riferimento per i cultori di arte ed eleganza sartoriale. Da quasi mezzo secolo i Crimi si occupano infatti della realizzazione completa dei capi: progettano, tagliano, cuciono secondo le più antiche regole della migliore tradizione sartoriale italiana. Forte l’influenza inglese, interpretata dai Crimi con il tocco italiano caratterizzato da una maggiore morbidezza e fluidità delle linee.

L’eleganza made in Sicily e l’artigianato sartoriale dei Crimi sono stati più volte portati all’estero dagli imprenditori palermitani. Facendosi baluardo di un made in Italy fortemente legato alle migliori tradizioni sartoriali ed alla cura dei dettagli, il laboratorio di via Civiletti è riuscito ad aprirsi una proficua breccia nel difficile mercato asiatico, in particolar modo nipponico. Più volte la sartoria ha ospitato clienti che dal Giappone sono giunti appositamente in laboratorio per farsi realizzare un abito su misura. Il 40 per cento della clientela dei Crimi, infatti, arriva proprio dall’estero per veder realizzati capi su misura. Tra i loro clienti noti imprenditori, personaggi dello spettacolo, banchieri e uomini del mondo finanziario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

Torna su
PalermoToday è in caricamento