Operatore Rai morto in un incidente, assolta l'automobilista accusata di omicidio stradale

Marco Sacchi perse la vita nel maggio del 2016 in via Castelforte. Alla guida dell'auto con la quale si scontrò c'era una donna: durante il processo è emerso che non eseguì alcuna manovra imprudente

Marco Sacchi

Assolta dall'accusa di omicidio stradale l’automobilista coinvolta nell’incidente in cui perse la vita Marco Sacchi, storico operatore televisivo della Rai. Così ha deciso il giudice della quinta sezione penale Nicola Aiello al termine del processo che vedeva imputata una donna nata a Marrakech (Marocco) ma residente a Palermo, la 58enne Nadira Lotfi.

Il tragico incidente avvenne in via Castelforte a maggio 2016. L’operatore Rai 61enne si trovava in sella al suo scooter e viaggiava in direzione via dell’Olimpo mentre la donna, a bordo della sua Volkswagen Lupo, procedeva nella direzione opposta quando svoltò a sinistra per immettersi in uno slargo che porta al civico 95. Poi il violento impatto.

Nonostante l’intervento dei sanitari del 118 per Sacchi non c’era più nulla da fare. Nella caduta l’operatore Rai riportò diverse fratture, un trauma toracico e un trauma cranico che provocò il decesso per arresto cardiocircolatorio. Al termine dei rilievi eseguiti dalla polizia municipale l’automobilista è stata indagata e rinviata a giudizio su richiesta del pm Bruno Brucoli.

Durante il processo è stato però accertato che la donna oggi assolta non aveva eseguito alcuna manovra imprudente. La polizia municipale ha rilevato nel luogo dell’incidente il segno di una frenata “con andamento sinusoidale di circa 12 metri”. Inoltre è emerso che Sacchi, al momento dell’impatto, non avesse il casco protettivo che invece teneva sotto braccio.

Alla luce degli elementi raccolti e sulla scorta della relazione presentata da un consulente il giudice ha escluso il nesso di causalità tra il comportamento della donna alla guida dell’utilitaria e il decesso del 61enne che aveva poco prima lasciato gli studi della Rai di viale Strasburgo dopo aver montato le immagini di un servizio girato a Montelepre.

Due giorni dopo la tragedia i familiari di Sacchi celebrarono il suo funerale in una chiesa Maria Santissima dell’Assunta gremita di gente. In centinaia riempirono l’edificio sacro per l’ultimo saluto. "Il nostro caro Marco era un giusto, si è sforzato di far cambiare la società. Ci hai mostrato le immagini della strage di Capaci - aveva detto don Pietro rivolgendosi direttamente a lui nell'omelia - e con quelle immagini hai smosso le coscienze”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento