Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marcia silenziosa per urlare i loro diritti, i disabili a Crocetta: "Ci stai uccidendo" | VIDEO

Si è conclusa con un altro incontro-scontro tra Pif e il presidente della Regione Rosario Crocetta la marcia silenziosa, dalla Cattedrale di Palermo fino a piazza Indipendenza, alla quale questa mattina centinaia di famiglie hanno partecipato per protestare contro l'assenza di assistenza ai disabili.

 

Da una parte il Governatore che ribadisce "non è vero che non è stato fatto nulla in questi due mesi" e promette "I decreti sono in fase di attuazione, entro la prossima settimana tutti riceveranno un assegno annuale, che va da 12 a 18 mila euro, sulla base dei progetti individuali". Dall'altra il regista che ha sposato la causa delle persone con disabilità e che lo scorso 21 febbraio ha invaso insieme ad un esercito di carrozzine la Regione.

"E' semplicemente vergognoso tutto ciò - afferma Pif -. Siamo qui a chiedere una cosa che in altri Paesi è l'abc della civiltà. La questione non si risolve perchè non è una priorità, è solo un'emergenza elettorale, dato che le elezioni si avvicinano. Fanno fondi con soldi che dovrebbero arrivare, forse un giorno". Il regista invita il Presidente martedì ad andare in Parlamento e chiedere di votare una finanziaria diversa. Non è possibile che tutte le voci abbiano priorità rispetto ai disabili". Richiesta accettata da Crocetta: "Ho dato mandato all'assessore Baccei di predisporre un emendamento da presentare martedì in aula, prima dell'apertura del dibattito sulla finanziaria, per reperire fondi consistenti al fine di allineare il fondo per la disabilità del 2017 a quello del 2018”.

Proprio sotto la sede della Regione Siciliana gli organizzatori della protesta, hanno lanciato un appello al presidende della Repubblica Sergio Mattarella: "Invii un messaggio messaggio al Parlamento per sensibilizzare il legislatore a porre la massima attenzione alle problematiche della disabilità". A sfilare anche Sharon Ganci, unica normodotata in una famiglia con tre disabili: "Rivoglio la mia libertà, ho 20 anni, e per me non c'è mai neanche una festività". 

Al corteo, tra gli altri, anche Don Corrado Lorefice che ha chiesto un minuto di silenzio. "Non siamo qui per essere contro - dichiara l'arcivescovo - ma per dare voce a chi non ne ha. Nessuno si faccia strada con i poveri ma aiutiamo i poveri a farsi strada. Noi siamo qui per attraversare le coscienze di quanti non possono assumersi la responsabilità o per il loro compito politico o amministrativo".

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento