L'Ascione a Pomigliano d'Arco a scuola di Mltv

"Come migliorare i processi formativi per lo sviluppo delle competenze di base?". Una domanda la riflessione conclusiva dell'Ascione di Palermo, protagonista insieme ad altre quattro scuole pilota, di Brindisi, Bari, Soverato e Rossano, della seconda fase del progetto sperimentale di Avanguardie Educative - INDIRE “MLTV - Rendere visibili pensiero e apprendimento”.

Ieri la chiusura dei lavori del Seminario formativo che si è svolto a Pomigliano d'Arco presso l'Istituto Europa, una delle tre scuole italiane capofila della nuova Idea, che ha sperimentato per un anno la nuova Idea di Avanguardie. Workshop, attività di laboratorio e di visiting nelle classi coinvolte nel progetto hanno avviato la disseminazione che coinvolgerà in un lavoro di co-ricerca le 15 scuole selezionate in Italia adottanti il percorso di innovazione scolastica, volto a stimolare negli studenti, che rischiano di divenire isole comunicative in una società liquida e mutevole, la capacità di osservazione, il pensiero critico e la collaborazione solidale.

Silenzio individuale, dialogo, scrittura, confronto, ritmi scanditi supportano l'apprendimento individuale e cooperativo, visibile attraverso dei post-it che compongono, come tante tessere, un mosaico di pensieri leggibile e opportunamente documentato. Non soltanto nozioni, ma ricerca, curiosità, meraviglia che accendono e costruiscono il pensiero. "Pensavo e adesso penso che...", in un'ottica di comprensione e arricchimento reciproci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

Torna su
PalermoToday è in caricamento