L’aula dei gruppi consiliari della Seconda Circoscrizione porterà il nome di Norman Zarcone

Per ricordare la figura del dottorando morto suicida per protesta contro le "baronie universitarie"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il consiglio della Seconda Circoscrizione ha deciso di onorare la memoria di Norman Zarcone, il dottorando in filosofia del linguaggio che nel settembre 2010 si tolse la vita in segno di protesta contro le "baronie universitarie", lanciandosi dal settimo piano della facoltà di Lettere, intestandogli un’aula. Sarà l’aula dei gruppi consiliari a ricordare il nome di Norman a quella comunità territoriale (dove era nato e aveva operato), alla città e ai tanti Norman d’italia sparsi da nord a sud dello stivale.

Norman, una carriera con lode e “una vita offesa”, sarà ricordato da una targa bronzea all’ingresso dell’aula a lui intestata: filosofo, musicista, giornalista che non volle genuflettersi alle logiche di potere. quella targa farà il paio con quella a suo tempo dedicata dal consiglio di circoscrizione a don Pino Puglisi, ucciso dalla mafia di Brancaccio, e rappresenterà un unico, ideale messaggio simbolico di legalità e meritocrazia. Giorno 3 novembre, alle ore 9,30, sarà scoperta la lapide in memoria di Norman e da quel momento l’aula dei gruppi consiliari verrà riconosciuta come aula “Norman Zarcone”.

Dopo l’intestazione dello spazio “generazione norman” alla cittadella universitaria da parte del senato accademico, lavori teatrali, tesi, benemerenze civiche, musiche, libri dedicati al giovane dottorando (che d’estate faceva il bagnino per 12 ore al giorno), la dedica dell’aula dei gruppi consiliari della II circoscrizione ribadirà il percorso culturale, umano e civile di un giovane studioso, figlio di quel territorio e oggi simbolo riconosciuto di una generazione di precari e studenti che chiedono meritocrazia a tutti i livelli del nostro tessuto sociale.
 

Torna su
PalermoToday è in caricamento