Riforma del 118, la Fials a Razza: "Servono tutele per il personale e più fondi"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Garanzie per tutti i lavoratori del 118, riqualificazione e ricollocamento del personale inidoneo, più fondi per i turni eccedenti". Sono alcuni dei temi trattati nel corso dell'incontro tra una delegazione della Fials formata da Carmelo Salamone, Seby Motta e Sandro Idonea e l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.

Durante l’incontro la Fials ha sollevato i problemi sulla carenza di personale, in alcune aree dell’Isola, e ha chiesto di individuare ulteriori somme per il pagamento dei turni eccedenti il normale orario di servizio da inserire all'interno del nuovo contratto di servizio che dovrebbe essere ratificato a breve.

"L'assessore - secondo quanto reso noto dal sindacato - ha spiegato che con la nascita di Areus si potrà ricollocare nei vari ambiti operativi tutto il personale dipendente inidoneo alla mansione in forza alla Seus, tramite uno specifico percorso di riqualificazione. Si darà inoltre vita a un percorso, sulla base del progetto elaborato dalla Fials, per indire specifici concorsi dedicati per far transitare il personale autista soccorritore da Seus ad Areus. Razza ha comunque ribadito che tutti i livelli occupazionali saranno garantiti”.

Intanto si è svolto il primo incontro tra Seus e sindacati presso la sede di Via Villagrazia a Palermo in vista dell’invio della riforma all’Ars per la nascita di Areus. Grandi aperture da parte dell’azienda, che ad esempio in merito alla  “banca ore” ha manifestato la volontà di riconoscere l'indennizzo di cui al surplus orario relativo all'anno 2018, sulla base di uno studio da effettuare sulle economie riconducibili all'esercizio finanziario 2018. Nell'ambito dell'organizzazione dei turni di lavoro, invece, l’azienda ha proposto nuovi metodi per sviluppare una turnistica consona alle esigenze organizzative, per smaltire l'accumulo o il debito orario di altri periodi, senza comunque sforare le ore contrattuali previste. È stata manifestata anche la volontà di azzerare il debito orario imputabile all'azienda e di dare la possibilità ai lavoratori di recuperare il proprio debito orario. Annunciata anche la costituzione di un fondo di produttività straordinaria, sulla base dei limiti di bilancio, ricavati dai risparmi ottenuti da economie aziendali varie e redistribuiti al personale che raggiungerà degli obbiettivi annuali, da concordare con i sindacati.

La Fials, pur accogliendo positivamente le questioni affrontate dall'azienda, ha sollevato alcune criticità a cominciare dalla carenza di organico nella Sicilia orientale di personale amministrativo Upp di Siracusa, e di autisti soccorritori con specifico riguardo alle province di Catania e Siracusa.  A tal proposito, nell'ambito della riorganizzazione aziendale, la Fials ha chiesto in via d'urgenza di dare una risposta ai lavoratori, riconoscendo in busta paga le ore eccedenti il normale orario di lavoro. Il Consiglio di amministrazione, pur riconoscendo l'impellenza, si è riservato di comunicare l'esito della richiesta nel prossimo incontro.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento