Politica

Crocetta: "Da 4 mesi parliamo di rimpasti, adesso il tempo è scaduto"

Il presidente della Regione entra in tackle sulla vicenda delle Commissioni Ars. Sulla mozione di sfiducia presentata dal Movimento 5 Stelle il governatore è velenoso: "Normale, dopo la trazzera il loro compito politico è finito..."

"Un accordo sulla composizione delle commissioni parlamentari all'Ars, o rispetta tutto, oppure è chiaro che salta il quadro. Credo siano necessari dei passaggi politici che definiscano la vicenda, per me però il tempo è scaduto. Martedì si deve chiudere tutto, sono 4 mesi che parliamo di rimpasti di governo, non posto sottrarre altro tempo alla mia attività". A parlare è il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, commentando lo stallo che si è creato all'Ars sulla nomina delle nuove commissioni parlamentari.

Crocetta ha spiegato: "L'equilibrio politico deve essere complessivo. Il governo e le commissioni devono essere coerenti. Mi pare giusto che si ragioni sui numeri, sulle composizioni delle varie forze politiche e delle varie rappresentanze parlamentari, però questo non è un problema mio. E' un problema politico della coalizione. Quello che sto cercando in questi giorni è di riprendere il dialogo fra tutte le forze della coalizione, per riavvicinare posizioni che mi sembrano distanti. Se mettessi steccati è ovvio che non favorirei il dialogo".

Sulla mozione di sfiducia avanzata nei suoi confronti dai deputati siciliani del Movimento 5 Stelle, Crocetta ha risposto: "I grillini è chiaro che debbano fare la mozione di sfiducia. Una volta realizzata la trazzera hanno finito il loro compito. Dopo 3 anni si presentano agli elettori dicendo 'abbiamo fatto la trazzera'".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crocetta: "Da 4 mesi parliamo di rimpasti, adesso il tempo è scaduto"

PalermoToday è in caricamento