Domenica, 13 Giugno 2021
Politica

Ars, spunta la Finanziaria parallela M5S: "Una porcata ad personam"

Il governo ha tentato di portare in aula un maxi emendamento con 72 commi, tra i quali l’approvazione di alcune riforme importanti come quelle delle Partecipate o interventi e il mutuo "salvaimprese". Ma sia l'opposizione, che parte della maggioranza, si sono ribellate

Una Finanziaria parallela. Altri cinquantuno commi che si aggiungono all’articolo 46, che già ne conteneva 21. Un maxi-articolo da 72 commi per l’approvazione di alcune riforme importanti come quelle delle Partecipate o interventi molto discussi, come il mutuo da quasi un miliardo per pagare i debiti con le imprese siciliane. Ma a questo maxi emendamento l’aula si è ribellata. “Tra le pieghe della Finanziaria una nuova porcata ad personam che bypassa le commissioni e mostra l’arroganza di questo governo”, affermano i deputati 5 Stelle. Ma non la contesta solo l’opposizione, perché i mugugni arrivano anche da parte della maggioranza. Così i lavori sono stati fermati a tarda notte e sono ripresi stamattina.

Duro il commento del Movimento 5 Stelle. “Il gruppo parlamentare  all'Ars del Movimento 5 Stelle – si legge in una nota - boccia senza mezzi termini l'ultima trovata del governo, che riscrive praticamente una nuova manovra, infilandoci di tutto, dalla norme urbanistiche al maxi mutuo da un miliardo e che ripesca pure norme cassate in commissione Bilancio, come quella che rischia di sanare numerosi edifici abusivi in Sicilia.

“L'articolo - affermano i deputati - è composto da ben 70 commi, compresi gli aggiuntivi. E pretende di rifare il volto alle normative urbanistiche con pericolosissimi contraccolpi possibili per quanto riguarda la compatibilità con la Sicilia. E' un articolo ad personam, o meglio ad personas, visto che è quasi possibile leggere il nome di un deputato dietro ad ogni comma”.

Per bloccare l'articolo i deputati M5S hanno presentato un emendamento soppressivo. Ma gli strali dei parlamentari del gruppo non si limitano solo all'articolo 46. Non è andato giù nemmeno il voto in Aula dell'articolo 6, quello che legiferava sui Comuni, che ha cassato tutte le norme virtuose in direzione dell’obiettivo rifiuti zero, tanto a cuore al Movimento. “Il governo Crocetta – commentano i Cinquestelle - ribadisce la sua arroganza e prepotenza e mostra il suo vero volto attraverso la proposizione all'ultimo istante della vera Finanziaria, rinnegando la falsa disponibilità al dialogo mostrata in precedenza”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ars, spunta la Finanziaria parallela M5S: "Una porcata ad personam"

PalermoToday è in caricamento